Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le vetrate del Duomo di Milano fra il 1555 e il 1667

La mia tesi risulta suddivisa in due parti: una introduttiva e l’altra esclusivamente dedicata alla trattazione delle vetrate del Duomo di Milano comprese fra la metà del ‘500 e la metà del ‘600. Nella parte introduttiva ho delineato l’evoluzione storica delle vetrate in Europa, partendo dal loro apparire e giungendo fino all’inizio del nostro secolo, mi sono occupata delle loro principali tecniche esecutive e ne ho studiato i più importanti fenomeni di degrado e le tecniche conservative più all’avanguardia. Per comprendere meglio l’ambito in cui veniva a collocarsi la produzione vetraria del Duomo, ho poi voluto approfondire la situazione della creazione di nuove vetrate in Italia durante il ‘500, ho delineato un breve quadro della situazione storica di Milano nel ‘500, e ho tratteggiato una brevissima storia del Duomo, seguita poi da una più approfondita analisi, condotta per la maggior parte sui documenti della Fabbrica del Duomo, dell’evoluzione del cantiere vetrario del Duomo, partendo dal ‘500 e giungendo fino ai nostri giorni, includendovi anche i provvedimenti presi per la salvaguardia del patrimonio vitreo in occasione delle due Guerre Mondiali.
Nella seconda parte mi sono dedicata ad uno studio approfondito delle vetrate del Duomo di Milano, limitando la mia indagine a quelle realizzate fra la metà del Cinquecento e la metà del Seicento. Ho cercato di fornire, per ciascun finestrone preso in esame, un profilo storico che raccogliesse tutte le notizie documentarie che su di esso potevo trovare, ed un profilo artistico, che inquadrasse la vetrata nell’ambito della produzione milanese e all’interno del corpus di opere dell’artista che ne fornì i disegni. Per raccogliere materiale per la mia ricerca ho utilizzato tutti i testi sulle vetrate del Duomo che sono riuscita a reperire, confrontandoli con i documenti storici trovati indagando diverse sezioni dell’Archivio della Fabbrica del Duomo; è stato in questa fase dei miei studi che ho potuto trovare le novità più interessanti: per alcuni finestroni i documenti dell’Archivio o l’aspetto stilistico non concordavano con quanto riportato nei testi che stavo utilizzando come punto di partenza per i miei studi; una ricerca più approfondita mi ha permesso di giungere a soluzioni più coerenti, oltre a trovare scritti attestanti la produzione di nuove vetrate (il ciclo della Madonna dell’Albero, di cui non è rimasto nulla oltre al carteggio conservato nell’Archivio della Fabbrica) in un’epoca (la metà del ‘600) in cui si riteneva non se ne producessero più.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Silvia Bianchi Contatta »

Composta da 872 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5937 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.