Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nerone in Campania

Ultimo della dinastia Giulio-Claudia, Nerone è ricordato come il tiranno che “suonava la lira mentre Roma bruciava”, come l'assassino di sua madre, come l'imperatore che diede i cristiani in pasto alle belve nel circo; è stato associato con la Bestia che corrisponde al numero 666 nell'Apocalisse, tramandato come esempio di malcostume e spregevolezza.
Ma chi era in realtà costui, perché un imperatore come lui, che non guidò mai un esercito, che preferiva scrivere poesie, suonare, cantare davanti ad un pubblico, che cenava con i filosofi e che partecipava alle corse dei carri è stato dipinto come uno dei più spregevoli tiranni della storia?
La risposta a questo quesito e l'analisi dell'uomo Nerone non possono non prescindere dalla visione che di lui propongono le tre fondamentali fonti storiche a noi pervenute, ovvero gli Annales di Tacito, la biografia di Svetonio e gli accenni di Cassio Dione.
Da questi autori si evince che la malevolenza nei confronti di Nerone nasce soprattutto dalla naturale ostilità degli esponenti della vecchia classe dirigente romana: essi, depositari del modus vivendi che aveva contraddistinto per secoli l'Urbe, volevano un capo militare che si conformasse alle leggi non scritte del mos maiorum, il codice morale tradizionale dei romani più stimati. Fu per questo che alla sua morte una politica ufficiale di damnatio memoriae avrebbe garantito che sopravvivessero ben poche testimonianze a lui favorevoli e che l'opera di un imperatore fosse imprescindibilmente ricordata dai posteri come una quattordicennale tirannia vissuta tra voluttuosi sprechi ed efferati omicidi.
Il mio lavoro sarà quindi rivolto a definire un'immagine più coerente dell'uomo Nerone, in sintonia con quelli che sono gli orizzonti posti dalla storiografia moderna, partendo in primo luogo da un'analisi approfondita della complessa personalità dell'imperatore e dedicando particolare attenzione al suo spiccato temperamento artistico e all'innata passione per l'arte e per la cultura greca che costituiscono il filo conduttore dell'approccio dell'imperatore al principato.
Guarderò agli spettacoli da lui apparecchiati e alle numerose esibizioni che concesse al pubblico, in particolare quella di Napoli nel 64 d.C. che, oltre a segnare il vero e proprio debutto artistico del princeps, spiega le motivazioni dell'importanza che il suolo campano ed in particolare la città partenopea rivestirono per l'imperatore.
La presenza di Nerone in Campania, d'altra parte, costituisce lo spunto per un'analisi dettagliata del suo operato sotto il profilo ludico, edilizio e amministrativo.
La regione fu amata dall'imperatore più di ogni altra, una personalità artistica ed eclettica come quella di Nerone non poteva non essere totalmente coinvolta dalla bellezza dei fertilissimi paesaggi formatisi da millenni di depositi vulcanici e caratterizzati da un clima dolce e assolato, nonché dalla lunga tradizione di spettacoli e dalla verve culturale da sempre imprescindibilmente legata al suolo campano.
L'opera di evergetismo dell'imperatore in Campania si realizzò con l'istituzione dei ludi, con pompose rappresentazioni e con la costruzione di edifici pubblici e privati; questa miscellanea di fattori costituì una fondamentale occasione di crescita urbanistica e sociale per tutta la regione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo Primo La biografia di Nerone 1- Un'infanzia difficile (37-54 d.C.) L'infanzia del giovane Nerone fu costellata da traumi psicologici che difficilmente non lasciarono strascichi nella sua complessa personalità 2 . Lucio Domizio Enobarbo, che solo in seguito avrebbe assunto il nome di Nerone, all'età di due anni fu sottratto alle cure della madre Agrippina minore, figlia di Agrippina Maggiore e di Germanico, e affidato al padre Gneo Domizio Enobarbo, malato e violento discendente di una famiglia di aristocratici. Nato il 15 Dicembre del 37 d.C. mentre il sole sorgeva sulla località di Anzio, il neonato Nerone non godette mai dell'affetto paterno. Nel suo De vita Caesarum Caio Svetonio Tranquillo riferisce come Gneo Domizio Enobarbo avesse affermato:”quicquam es se et Agrippina nisi detestabile et malo publico nasci potuisse” 3 . Nerone, dopo la morte del padre, avvenuta nel 40 d.C., fu ospitato a casa della zia Domizia Lepida, la quale lo affidò a due precettori, Aniceto e Berillo, affinché lo allevassero e curassero la sua prima educazione. 4 2 R.Holland, Nerone, Roma 2002, p.3 3 Svet.,Ner.,6. Trad.: da se e da Agrippina non poteva essere nato che qualcosa di detestabile e dannoso per tutti. 4 E. Cizek, La Roma di Nerone, Milano, 1984, p.25. Cizek ritiene che furono i due liberti 4

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Angelo Lo Conte Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 867 click dal 20/04/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.