Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'influenza della musica nella pubblicità radiofonica

La presente ricerca è volta ad indagare l’efficacia della musica nella pubblicità radiofonica, valutando l’influenza che essa esercita sul ricordo delle informazioni, sul gradimento degli elementi contenuti nello spot e sull’intenzione comportamentale all’acquisto dell’ascoltatore.
I risultati dimostrano che la presenza della musica aumenta l’efficacia di una campagna pubblicitaria radiofonica in termini di ricordo delle informazioni contenute nel messaggio e che le informazioni che occupano una posizione iniziale e finale nel messaggio sono maggiormente ricordate dagli ascoltatori.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 CAPITOLO PRIMO LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA 1.1 Definire una campagna pubblicitaria L’assioma della pragmatica della comunicazione (Watzlawick, Beavin & Jackson, 1971) afferma che non si può non comunicare, ciò significa che non si può non comportarsi (il comportamento non ha un suo opposto) e quindi, dato un contesto, che non si può non influenzare e non essere influenzati: ogni comportamento è comunicazione e ogni comunicazione ha effetti pragmatici. L’influenzamento, intenzionale o meno, non può non esserci e una delle più conosciute modalità di comunicazione, e quindi di influenzamento, utilizzate dall'uomo è la pubblicità, che esiste da quando esiste l’uomo (Mancini, Russo, Bellotto, 2010). Essa fa parte della nostra vita quotidiana e, a differenza di altri generi veicolati dai mass media, appare accessibile con facilità a tutti. È invece doveroso sottolineare che la pubblicità è un fenomeno complesso e multidimensionale (Fabris, 1996). L’art. 2 del D. Lgs. 25 gennaio 1992, n. 74 definisce la pubblicità come qualsiasi forma di messaggio che sia diffuso, in qualsiasi modo, nell'esercizio di un'attività commerciale, industriale, artigianale o professionale allo scopo di promuovere la vendita di beni mobili o immobili, la costituzione o il trasferimento di diritti e obblighi su di essi oppure la prestazione di opere o di servizi. Questa è stata la prima definizione di pubblicità data da un testo legislativo e, nonostante ciò, risulta comunque difficile accettarla come univoca e definitiva in quanto ‹‹la pubblicità è una tecnica multidisciplinare che sfrutta la comunicazione persuasiva e seduttiva, al fine di promuovere i consumi›› (Punzo, 2008, p.7). Essa può essere considerata una forma di comunicazione interpersonale, diffusa attraverso

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Giulia Salvadori Contatta »

Composta da 108 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1931 click dal 24/04/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.