Skip to content

Il ruolo del giornalismo e delle esperienze individuali nella costruzione della pace

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Urbini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università per stranieri di Perugia
  Facoltà: Lingua e Cultura Italiana
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Carlo Belli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

Nel presente elaborato ho cercato di approfondire e analizzare attraverso la consultazione di una letteratura specializzata e di fonti online affidabili la costruzione della pace attraverso l’evoluzione del giornalismo con le sue qualità e i suoi limiti.

Nel primo capitolo si analizza il giornalismo di pace applicato al case study della guerra in Iraq partendo dalle teorie di due luminari in materia di studi sulla pace, Johan Galtung e George Lakoff. Riassumendo, entrambi, in due campi d’azione diversi il primo nelle relazioni sociali e il secondo nella linguistica cognitiva, sono complementari e convengono in un'unica soluzione che si avvicina al concetto del two levels game di Putnam: capire l’equilibrio interno di un soggetto politico è indispensabile per prevedere le sue mosse al di fuori, nella sua dimensione esterna.
L’importanza di questi modelli all’interno dell’ambito giornalistico è ripresa dalle teorie della Lynch e Mcgoldrick riguardo i codici deontologici del corretto giornalista; questo modello, a sua volta, influisce sul lavoro di Lakoff sul Framing, dove egli afferma che solo attraverso il Reframing, cioè l’utilizzo di domande mirate che non reiterano il frame precedente si va al centro della questione. Galtung aggiunge a questo che i giornalisti creativi che vogliono riformulare la loro analisi dovrebbero farlo con una corretta analisi costi-benefici.
Nella seconda parte del primo capitolo analizzerò la dicotomia del giornalismo di pace e di guerra calata nella guerra in Iraq, analizzata in giornali come il N.Y. Times, il Newsweek e le trascrizioni delle Trasmissioni della National Public Radio e come il giornalismo di pace secondo Galtung avrebbe dovuto rappresentarla.
Il giornalismo di guerra per molto tempo è stato concepito come l’unico modo per descrivere le cronache di conflitto, un giornalismo estremamente oggettivo basato sulla cronaca e la modifica della percezione della controparte più debole come cattiva e pericolosa; un modo di far notizia che si focalizzava solo sugli effetti visibili della guerra (la violenza diretta), e basato sullo scontro a somma zero da dove non nascono esternalità positive, dove l’invasione dell’Iraq è stata considerata l’unica opzione realizzabile dopo la notizia che aleggiava negli States del presunto programma di riarmo dell’Iraq.
Il giornalismo di pace cerca di scoprire le vere motivazioni che hanno portato alla formazione del conflitto dando spazio non solo ai presidenti degli stati, ma si approfondiscono tematiche come le opposizioni, le minoranze, gli alleati e i manifestanti contrari all’invasione. Inoltre, si dà spazio agli attori sociali coinvolti nello scontro con i loro problemi e i loro obiettivi.
Le basi teoriche del giornalismo di pace stabiliscono che la trasformazione dei conflitti presuppone che ciascuna parte abbia almeno un obiettivo legittimo. Questa visione ritiene che se le parti riescono a trovare un tratto comune, possano collaborare per migliorare le proprie posizioni.
I giornali avrebbero dovuto considerare alternative all’invasione, prendendo in esame proposte fatte precedentemente dall’Iraq, dalla Francia, dalla Germania e dalle Nazioni Unite, tenendo conto del fatto che la soluzione più scontata sarebbe stata l’invasione.
Grazie alla trasparenza nei conflitti si soddisfa il diritto dei cittadini a sapere come i soldi delle loro tasse vengano spesi: è compito dei veri giornalisti insistere sulle preoccupazioni dei cittadini nei confronti delle scelte di governo.
La scuola della trasformazione dei conflitti cerca di favorire la comunicazione e il dialogo quanto più possibile tra le parti. Galtung, tuttavia, è particolarmente attento a non spingere le parti a collaborare anzitempo. Piuttosto, inizia a lavorare con ciascuna parte individualmente in modo che possa comprendere appieno quali siano le proprie necessità e la propria posizione all’interno di un conflitto. I giornalisti negli Stati Uniti dovrebbero promuovere un dialogo su quali realmente siano le esigenze degli Stati Uniti e quale sia il modo migliore per il loro soddisfacimento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Nel presente elaborato ho cercato di approfondire e analizzare attraverso la consultazione di una letteratura specializzata e di fonti online affidabili la costruzione della pace attraverso l’evoluzione del giornalismo con le sue qualità e i suoi limiti. Nel primo capitolo si analizza il giornalismo di pace applicato al case study della guerra in Iraq partendo dalle teorie di due luminari in materia di studi sulla pace, Johan Galtung e George Lakoff. Riassumendo, entrambi, in due campi d’azione diversi il primo nelle relazioni sociali e il secondo nella linguistica cognitiva, sono complementari e convengono in un'unica soluzione che si avvicina al concetto del two levels game di Putnam: capire l’equilibrio interno di un soggetto politico è indispensabile per prevedere le sue mosse al di fuori, nella sua dimensione esterna. L’importanza di questi modelli all’interno dell’ambito giornalistico è ripresa dalle teorie della Lynch e Mcgoldrick riguardo i codici deontologici del corretto giornalista; questo modello, a sua volta, influisce sul lavoro di Lakoff sul Framing, dove egli afferma che solo attraverso il Reframing, cioè l’utilizzo di domande mirate che non reiterano il frame precedente si va al centro della questione. Galtung aggiunge a questo che i giornalisti creativi che vogliono riformulare la loro analisi dovrebbero farlo con una corretta analisi costi- benefici. Nella seconda parte del primo capitolo analizzerò la dicotomia del giornalismo di pace e di guerra calata nella guerra in Iraq, analizzata in giornali come il N.Y. Times, il Newsweek e le trascrizioni delle Trasmissioni della National Public Radio e come il giornalismo di pace secondo Galtung avrebbe dovuto rappresentarla. Il giornalismo di guerra per molto tempo è stato concepito come l’unico modo per descrivere le cronache di conflitto, un giornalismo estremamente oggettivo basato sulla cronaca e la modifica della percezione della controparte più debole come cattiva e pericolosa; un modo di far notizia che si focalizzava solo sugli effetti visibili della guerra (la violenza diretta), e basato sullo scontro a somma zero da dove non nascono esternalità positive, dove l’invasione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi