Skip to content

Controllo cardiovascolare in giovani obesi: significato ed implicazioni

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Brigatti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattative
  Relatore: LucianoBernardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

L’obesità è un importante fattore di rischio cardiovascolare, in quanto correlata a sindrome metabolica, ipertensione arteriosa, dismetabolismo glucidico o diabete conclamato, iperlipidemia ed aterosclerosi precoce. In Italia, vi è una alta percentuale di soggetti in età pediatrica obesi (12.3%) o in sovrappeso (23.6%), con conseguente aumento di rischio cardiovascolare e della mortalità prematura in età adulta.
Le alterazioni del sistema neurovegetativo (baroriflesso BRS) sono markers precoci di rischio cardiovascolare. Nel diabete, essi sono il risultato di un danno nervoso, ma in fase iniziale hanno origine funzionale, quindi sono potenzialmente reversibili.
Con questo studio si vuole stabilire se le anomalie neurovegetative descritte nei soggetti obesi sono già in età pediatrica il risultato di una alterazione strutturale oppure sono il risultato di anomalie ancora almeno in parte funzionali, e quindi potenzialmente correggibili
A questo proposito, sono stati eseguiti, in uno studio cross-sezionale (126 partecipanti obesi e 175 controlli normopeso in età pediatrica) tests di funzione neurovegetativa, con l’obiettivo di monitorare l’intervento del sistema simpatico o di quello parasimpatico sulla regolazione vasovagale.
E’ stato messo in evidenza come il BRS risulti alterato in maniera significativa in giovani soggetti obesi in confronto con i pari età normopeso, e come le tecniche di respiro lento controllato, portino a degli adattamenti neurovegetativi immediati, suggerendo quindi che il danno è di origine funzionale e quindi potenzialmente correggibile tramite metodiche di condizionamento fisico e training del respiro lento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 15 3. OBESITA’ ED ATTIVITA’ FISICA Un crescente corpo di evidenze scientifiche indica che la diminuzione dei livelli di attività fisica e di fitness cardio-metabolica nei giovani e nei bambini, sono associati ad impatti negativi sulla loro salute, compresi i livelli di obesità, diabete, malattie cardiache e sindrome metabolica [Lyle Micheli et al. 2011]. Nel Gennaio 2011, il Comitato Olimpico Internazionale, ha assemblato un gruppo di esperti per discutere il ruolo dell‟attività fisica e dello sport sulla salute e lo stato di fitness dei giovani. L‟Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) si sono impegnati già dal 2010 a promuovere attività e scelte politiche volte a favorire, sia a livello nazionale che internazionale, la riduzione del rischio di malattie non trasmissibili, come il diabete e le malattie cardiovascolari, dato che l‟inattività fisica è classificata come il quarto fattore di rischio importante per tutti i decessi a livello globale - 3,2 milioni di decessi ogni 2 anni [World Health Organization 2010]. L‟attività fisica è un potente strumento per migliorare e proteggere la salute dei giovani. Pertanto, la strategia terapeutica più importante da attuare in un bambino affetto da obesità e con fattori di rischio per SM è la modificazione dello stile di vita, rappresentata dall‟associazione tra esercizio fisico e dieta. E‟ noto da tempo che il futuro dell‟obesità sta nella sua prevenzione, attraverso l‟educazione alimentare e comportamentale. Alcuni autori hanno evidenziato l‟importanza della prevenzione già a partire dalla gravidanza e dai primi mesi di vita. Secondo Barker e Lucas [Barker DJP et al. 1997] il regime dietetico della madre e del neonato condizionerebbe il destino biologico e metabolico dell‟adulto agendo come cofattore ambientale su una predisposizione genetica nello sviluppo di malattie cronico-degenerative ad eziologia multifattoriale come l‟obesità, l‟ipertensione arteriosa, le dislipidemie, il diabete mellito di tipo 2 e da ultima la sindrome metabolica. La prevenzione della sindrome metabolica risiede, pertanto, in un corretto regime alimentare ed incremento dell‟attività fisica [Ambruzzi A.M et al.]. Infatti l‟aumento dell‟attività fisica è indispensabile per ridurre un permanente cambiamento nel metabolismo del soggetto: non solo facilita il calo ponderale, ma promuove l‟insulino-sensibilità e migliora la fitness cardio-respiratoria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adolescenti
obesità
bambini
cardiovascolare
baroriflesso
condizionamento fisico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi