Skip to content

Il Partito Socialista Italiano di fronte alla nascita del terrorismo (1969-1974)

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Cianca
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Anna Scarantino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 152

La lunga stagione del terrorismo costituì un grande trauma per l’Italia repubblicana degli anni ’70. Il travagliato periodo politico accompagnato da una grave crisi economica coincise con la fase di incubazione e di insorgenza della violenza politica e della lotta armata, che durò all’incirca fino alla fine del 1974. L’avvio della stagione del terrorismo con l’eccidio di piazza Fontana nel dicembre 1969 chiamò tutti i partiti dell’arco costituzionale italiano al tentativo di comprenderne la natura per elaborare una propria strategia politica.
L’obiettivo di questa ricerca è quello di analizzare l’atteggiamento del Partito Socialista Italiano di fronte alla nascita del terrorismo in Italia, attraverso i suoi principali organi di stampa: l’“Avanti!” e “Mondoperaio”. Gli anni presi in considerazione da questo studio sono quelli compresi tra la strage di piazza Fontana (considerato dalla maggior parte degli storici il primo episodio significativo della “strategia della tensione”) e la fine del 1974, periodo nel quale la lotta armata subì duri colpi grazie alla repressione delle forze dell’ordine, ma dal quale contemporaneamente ripartì con rinnovato vigore.
Il Partito Socialista Italiano, per lo meno nella prima fase di questo lungo periodo che funestò l’Italia, quella che partì nel 1969 e si concluse alla fine del 1974, non diede delle risposte univoche. Il terrorismo, infatti, si presentò in una duplice veste: quella nera, di matrice neofascista, che godeva di ampie connivenze in diversi settori dello Stato, e quella rossa, rappresentata da alcuni giovani membri dei gruppi extraparlamentari di sinistra. L’atteggiamento del PSI nei confronti dei due estremismi fu differente, ma anche abbastanza coerente nel corso degli anni. Nel complesso nel partito di Nenni emersero sostanziali incomprensioni delle caratteristiche proprie degli episodi terroristici ed una considerevole sottovalutazione della pericolosità dell’estremismo di sinistra. La violenza politica, che fu decisamente e ripetutamente condannata dal PSI venne prevalentemente, o addirittura quasi interamente, attribuita ai gruppi dell’estrema destra e alle bande neofasciste. Si potrebbe sostenere che questa “miopia” fu il prodotto del rifiuto di considerare “di sinistra” coloro che ricorrevano alla violenza politica e dell’incapacità reale di comprendere la novità del fenomeno. La tesi degli opposti estremismi, che si andò definendo in quei mesi, fu respinta categoricamente dal Partito Socialista.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione La lunga stagione del terrorismo costituì un grande trauma per l’Italia repubblicana degli anni ’70. L’obiettivo di questa ricerca è quello di analizzare l’atteggiamento del Partito Socialista Italiano di fronte alla nascita del terrorismo in Italia, attraverso i suoi principali organi di stampa: l’“Avanti!” e “Mondoperaio”. Gli anni presi in considerazione da questo studio sono quelli compresi tra la strage di piazza Fontana (considerato dalla maggior parte degli storici il primo episodio significativo della “strategia della tensione”) e la fine del 1974, periodo nel quale la lotta armata subì duri colpi grazie alla repressione delle forze dell’ordine, ma dal quale contemporaneamente ripartì con rinnovato vigore. Nella ricca produzione nazionale ed internazionale sul tema, esistono analisi di diverso tipo, ma una vera riflessione storiografica appare oggi appena agli inizi, dopo un primo avvio, tra la fine degli anni Settanta e la prima metà degli anni Ottanta, cioè ancora nel vivo dell’emergenza terroristica e dunque con tutti i condizionamenti che quella stagione portava con sé 1 . Le prime sintesi sulla storia dell’Italia repubblicana, che risalgono ai primi anni ’90, come pure quei testi che ripercorrono la storia del PSI dalla fondazione fino alla dissoluzione, fanno emergere quella concezione che tenta di spiegare la nascita del terrorismo con la visione “regressiva” degli anni ’70 da parte degli autori dei volumi: nella maggior parte di questi scritti il decennio viene rappresentato come il periodo in cui affiora la delusione di quelle generazioni che avevano vissuto nel decennio precedente un periodo di inesorabile discesa della parabola di rinnovamento politico e sociale del dopo Sessantotto, trascurando il fatto che gli anni Settanta furono anche gli anni dei diritti civili, della partecipazione e del varo di significative riforme 2 . Dalla fine degli anni ’80 abbiamo assistito ad un considerevole aumento di memorialistica: la stragrande maggioranza dei libri di memorie fu scritta da ex brigatisti e reduci della sinistra rivoluzionaria. L’elemento che accomuna le 1 Su questo tema cfr. G. M. Ceci, Interpretazioni del terrorismo: il primo dibattito scientifico italiano (1977-1984) in Mondo Contemporaneo, Milano, Franco Angeli, Fascicolo 3, 2009. 2 Barbara Armani, La produzione storiografica, giornalistica e memoriale sugli anni di piombo in Marc Lazar, Marie-Anne Matard-Bonucci (a cura di), Il libro degli anni di piombo: storia e memoria del terrorismo italiano, Milano, Rizzoli, 2010, pp. 211-212.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

terrorismo
partito socialista italiano
strategia della tensione
psi
anni '70
eversione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi