Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Paesaggio come Esperienza Estetica - Una Passeggiata nel Parco delle foreste Casentinesi, monte Falterona e Campigna

Questo lavoro verterà sull'analisi del paesaggio da un punto di vista semiotico ed estetico. A tracciarne l'andamento è una domanda che, a differenza della sua apparente semplicità, è estremamente complessa: può il paesaggio essere considerato un'esperienza estetica? Perché questo interrogativo trovi un'esaustiva risposta lo studioso di semiotica è chiamato a individuare fin dall'inizio del suo lavoro: un ben costruito corpus, chiari ambiti d'indagine e ben delineati livelli di pertinenza. Insomma, porsi delle domande di questo tipo sicuramente aiuterà lo studioso a focalizzare il metodo con il quale strutturare l'indagine.
Procediamo per gradi e chiariamo innanzitutto la nostra ipotesi di lavoro; ricostruire l'efficacia estetica del paesaggio a livello esperienziale. A tale scopo non bisogna quindi fermarsi a una definizione di paesaggio in senso classico o tradizionale poiché il paesaggio deve smettere di essere considerato la rappresentazione di un processo di semiosi in atto o di un'esperienza. Il paesaggio deve essere considerato direttamente un processo di semiosi in atto e un'esperienza in sé. Da un punto di vista teorico e metodologico un'indagine di questo tipo può essere sviluppata attraverso un recupero e una contaminazione dell'eredità testuale in semiotica, vale a dire attraverso l'applicazione di modelli testuali a livello
esperienziale. Possiamo dunque azzardare un collegamento tra la nostra idea di esperienza paesistica e quella di testo utilizzato in semiotica? L'idea non sembrerebbe essere così utopica. Infatti, prendendo le dovute distanze da una definizione chiusa e strutturale di testo, è in realtà possibile trovare approcci testuali che sicuramente rispettano problematiche estetiche e passionali o che prendono in esame quelle esperienziali o fenomenologiche. Ciò significa che possiamo trovare approcci testuali che vanno a indagare proprio su tutti questi aspetti che rendono l'esperienza tale. Basti pensare a come l'eredità fenomenologica di Maurice Merleau-Ponty sia stata recuperata dalla sensibilità percettiva di Denis Bertrand nei suoi lavori dedicati alla figuratività o nelle ricostruzioni discorsive di Jean-Claude Coquet. Oppure pensiamo all'approccio testuale di Jacques Geninasca applicato al cuore pulsante dell'emozione, ovvero la semiosi in atto. Ed è proprio attraverso questi strumenti che possiamo porci il problema non tanto del paesaggio come testo estetico, bensì del paesaggio come vera e propria esperienza estetica.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Lo sguardo estetico presuppone uno stato percettivo sui generis atto a stabilire, a ogni istante – in atto – una felice corrispondenza tra il percepire e il sentire, tra le configurazioni visive relative allo spettacolo del mondo e le variazioni del sentimento di sé risultanti da un'attenzione continua al proprio corpo. (Geninasca 2006) Questo lavoro verterà sull'analisi del paesaggio da un punto di vista semiotico ed estetico. A tracciarne l'andamento è una domanda che, a differenza della sua apparente semplicità, è estremamente complessa: può il paesaggio essere considerato un'esperienza estetica? Perché questo interrogativo trovi un'esaustiva risposta lo studioso di semiotica è chiamato a individuare fin dall'inizio del suo lavoro: un ben costruito corpus, chiari ambiti d'indagine e ben delineati livelli di pertinenza. Insomma, porsi delle domande di questo tipo sicuramente aiuterà lo studioso a focalizzare il metodo con il quale strutturare l'indagine. Procediamo per gradi e chiariamo innanzitutto la nostra ipotesi di lavoro; ricostruire l'efficacia estetica del paesaggio a livello esperienziale. A tale scopo non bisogna quindi fermarsi a una definizione di paesaggio in senso classico o tradizionale poiché il paesaggio deve smettere di essere considerato la rappresentazione di un processo di semiosi in atto o di un'esperienza. Il paesaggio deve essere considerato direttamente un processo di semiosi in atto e un'esperienza in sé. Da un punto di vista teorico e metodologico un'indagine di questo tipo può essere sviluppata attraverso un recupero e una contaminazione dell'eredità testuale in semiotica, vale a dire attraverso l'applicazione di modelli testuali a livello esperienziale 1 . Possiamo dunque azzardare un collegamento tra la nostra idea di 1 Ovviamente si tratta di una nostra specifica scelta dato che in realtà la passeggiata poteva anche essere descritta non come testo ma come pratica effettiva e creativa. La nostra analisi punterà a una studio 7

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cecilia Bandini Contatta »

Composta da 187 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 812 click dal 03/05/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.