Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo studio psico-sociale della coppia nel percorso per l'idoneità all'adozione: un'indagine nella realtà livornese

La tesi verte sulla delicata fase di indagine svolta con lo psicologo e l'assistente sociale a cui la coppia deve sottoporsi per ottenere l'idoneità all'adozione di un bambino. L'approfondimento sperimentale relativo all'obiettivo, al ruolo, ai contenuti e alle modalità di intervento degli operatori psico-sociali nell'ambito dell'indagine per lo studio di coppia, seguìto ad una disamina iniziale delle principali componenti della realtà dell'adozione, basata sui più autorevoli contributi teorici in materia da un punto di vista legislativo e psicologico, mi ha consentito di prendere diretta visione di una delle tappe cruciali in cui si articola l'iter adottivo: la fase di selezione delle coppie richiedenti l'adozione.
L'analisi personale della realtà livornese poi, non solo mi ha permesso di cogliere le peculiarità insite nell'espletamento dei colloqui previsti dall'indagine stessa, già dettagliatamente descritte nella seconda parte, ma anche di percepire, oltre "il dichiarato e il mostrato", qualche segnale di allarme e di insoddisfazione che pervade gli operatori impegnati in questo delicato e difficile onere di cui, addossandoselo, diventano responsabili.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PARTE PRIMA LA REALTA' NORMATIVA E PSICOLOGICA DELL'ADOZIONE CAPITOLO PRIMO ASPETTI STORICO-GIURIDICI DELL'ADOZIONE 1.1 LA LEGISLAZIONE ITALIANA IN MATERIA DI ADOZIONE L'adozione è stata utilizzata ed applicata per secoli senza che esistessero leggi che la regolamentavano. Nella Roma antica la legislazione dell'adozione definiva e regolava gli interessi degli adulti senza figli naturali rispetto alla continuazione del nome e del patrimonio. La situazione è rimasta immutata fino alla Rivoluzione Francese; una prima regolamentazione si è avuta solo con il Codice Napoleonico, anche se il fine primario di tale istituto non era educativo ma testamentario. Nel 1865, il primo codice civile italiano ripeteva le norme del codice napoleonico del 1804. In Italia l'adozione ordinaria, che è stata la prima forma di adozione, finalizzata alla 111trasmissione di beni e alla tutela degli interessi patrimoniali, non implicava un rapporto affettivo tra adottante e adottato mantenendo i diritti di sussistenza da parte dei due genitori naturali nei confronti del figlio.

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Valentina Barsacchi Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2373 click dal 08/05/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.