Skip to content

Gli aspetti fiscali del commercio elettronico. Analisi di un caso pratico: Ebay

Informazioni tesi

  Autore: Paola Iaboni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: economia aziendale
  Relatore: Fabio Marchetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

Lo sviluppo e la semplificazione dei nuovi mezzi di comunicazione e in particolar modo di Internet, nel corso degli anni ha portato all’affermarsi di diverse tecniche innovative attraverso cui fare commercio e all’instaurarsi di quello che più comunemente viene definito commercio elettronico.
Ne sono state, via via, definite diverse categorie e tipologie ciascuna con delle caratteristiche rivolte a delle precise classi di utilizzatori.
Sempre più aziende decidono di rivolgersi al web per offrire in rete i loro prodotti ai potenziali acquirenti, ma anche per cercare di conquistare nuove fette di mercato o ancora per cercare di realizzare dei guadagni maggiori affiancando al negozio tradizionale, quello virtuale. In certi casi quindi alle vecchie imprese va a sostituirsi una vera e propria comunità virtuale.
L’imprenditore diventa, spesso, cliente; ed ha la possibilità di potersi confrontare con una moltitudine di fornitori cercando di rendere il suo comportamento il più efficiente possibile.
Se da un lato, però, le persone possono fare shopping stando comodamente seduti a casa, dall’altro non è detto che questi non incontrino ostacoli o che non portino a termine la transazione perché scoraggiati da un qualche aspetto poco piacevole, siano essi i metodi di pagamento, a volte considerati poco affidabili e sicuri o la mancanza di un contatto diretto con il prodotto e il suo fornitore.
Il commercio elettronico rappresenta, comunque, un’importante occasione di crescita sia per le imprese, piccole o grandi che esse siano, che operano in rete, poiché hanno la possibilità di offrire i loro prodotti a un vasto pubblico di acquirenti e ovunque nel mondo; sia per i consumatori sia come detto, hanno la facoltà di scegliere i loro prodotti fra molteplici offerte e acquistare quelli che vantano i prezzi più vantaggiosi.
In questo lavoro si è partiti con analizzare il concetto di commercio elettronico e il suo funzionamento sia nell’ambito della normativa nazionale che internazionale; non sottovalutando, comunque, la rilevanza della sicurezza di tali forme di transazioni e delle modalità dei pagamenti per esse previsti.
Ciò però cui è stata data maggior enfasi e prestata particolare attenzione è stata la regolamentazione ti tale forma di commercio sotto il profilo tributario.
Assumono, infatti, in questo contesto, particolare importanza le modalità di applicazione delle varie imposte, in particolar modo dell’iva, a tale tipologia di commercio; le metodologie utilizzate per l’individuazione della stabile organizzazione e della residenza delle società che operano online e di conseguenza i fenomeni di elusione ed evasione fiscale che potrebbero venire a generarsi operando in rete.
Non poca rilevanza riveste poi la difficoltà di capire come e in che modo le regole tradizionali del diritto tributario, pensate e create per essere applicate a un’economia “tangibile” e tradizionale, debbano e possano essere attribuite a un’economia “virtuale”. Cercando, quindi di cogliere le principali differenze tra e-commerce e commercio tradizionale.
Nelle pagine che seguono, si è inoltre cercato di analizzare più da vicino un caso concreto di commercio elettronico cercando di capire la struttura e il funzionamento del più importante sito di e-commerce al mondo, vale a dire ebay; nato inizialmente come luogo di scambio tra collezionisti e arrivato a essere oggi, la più importante piattaforma al mondo dove poter acquistare e vendere prodotti di qualsiasi genere tra utenti situati, nello stesso momento, in posti opposti del mondo.
Anche in questo caso, comunque, non abbiamo trascurato quelli che sono gli aspetti tributari che si ricollegano all’utilizzo del sito e le problematiche fiscali che potrebbero nascere qualora non ne venisse fatto un uso corretto e in linea con quelle che sono sia le principali norme tributarie previste dalle diverse legislazioni dei paesi in cui tale piattaforma opera sia le disposizioni previste dal sito stesso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Capitolo 1- Il Commercio Elettronico 1.1. Che cos’è il Commercio Elettronico e come funziona. Da quando esiste il commercio, l’uomo ha sempre cercato di migliorare l’efficienza delle transazioni adottando, gli strumenti e le tecnologie che man mano si rendevano disponibili. Le aziende hanno utilizzato per anni sistemi elettronici di comunicazione per effettuare differenti tipi di transazioni commerciali. Il commercio elettronico non è una novità assoluta, Internet ha, infatti, un precedente: l’EDI 1 (Electronic Data Interchange), nato nel 1968 negli USA per realizzare metodologie volte allo scambio di documenti, fra aziende, relativi allo scambio di merci. Tale sistema non prevedeva la presenza dell’operatore umano. Ci si è serviti di EDI per trasmettere telematicamente gli atti del settore bancario e i contratti di borsa. Grazie a tale sistema l’informatica e la telematica hanno avuto una grande applicazione nel trasferimento elettronico di fondi, cioè di denaro. Il termine Commercio Elettronico viene inteso come l’attività di acquisto che i consumatori compiono in quella parte di Internet chiamata World Wide Web, più sinteticamente definita il Web. Né la legge italiana, né quella comunitaria, danno una definizione precisa del fenomeno che oggi va sotto il nome di “commercio elettronico”. La prima definizione giuridica di commercio elettronico risale al 1997 ad opera della Commissione Europea 2 , la quale vede tale fenomeno come lo svolgimento di attività commerciali e transazioni per via elettronica e comprendente attività quali: 1 Tale termine indica un modo di dialogare tra parteners commerciali attraverso le reti di telecomunicazione. 2 Comunicazione della Commissione Europea al Comitato delle regioni rubricata “ Un iniziativa europea in materia di commercio elettronico” del 16 aprile 1997.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

e-commerce
ebay
comercio elettronico
aspetti fiscali del commercio elettronico
tassazione nell'e-commerce
normativa del commercio elettronico
sistemi di pagamento nel commercio elettronico
iva e commercio elettronico
commercio online
fisco e internet

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi