Skip to content

I giornalisti e la prima guerra mondiale

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Di Terlizzi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Ada Carla Gigli Marchetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

Come prima cosa viene studiata la situazione del giornalismo italiano nel suo complesso, prendendo in considerazione tutte le testate e delineando la situazione generale durante la Grande Guerra. Il lavoro svolto nel primo capitolo si fonda più sulla bibliografia che sulle fonti.
Nel secondo e nel terzo capitolo mi sono concentrato sugli articoli ricercati, lasciando ampio spazio a come il «Corriere» raccontò gli eventi epocali di quegli anni, evidenziando anche ciò che non veniva detto, per via del grande lavoro effettuato dalla censura.
Nel secondo capitolo, dunque, viene analizzata la corrispondenza spedita dal fronte, firmata dai grandi giornalisti che hanno fatto la storia del nostro paese. Verrà notato come, soprattutto in questo capitolo, la censura lavorò in maniera massiccia per mascherare tutte le sconfitte subite dall'esercito italiano, culminata con la disfatta di Caporetto. La parte più interessante di questo capitolo è lo stile di scrittura dei corrispondenti di guerra, retorici e costretti a distogliere lo sguardo dalla realtà, raccontando tutto al di fuori della verità.
Nel terzo capitolo, infine, l'attenzione viene focalizzata sulla situazione politica del paese. È il capitolo più complicato, perché è stato difficile fare una selezione degli eventi accaduti in Italia in quel periodo. In generale vengono analizzati articoli su temi molto differenti e disomogenei, come scandali riguardanti personaggi illustri oppure discussioni parlamentari, senza dimenticare gli articoli di propaganda, destinati alla mobilitazione permanente della popolazione civile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questa tesi è il frutto di un forte interesse personale e di esperienze accumulate durante il mio percorso universitario. La passione per il giornalismo e per la storia è stata determinante ma senza le conoscenze sviluppate nei corsi seguiti non avrei potuto affrontare un lavoro così importante. L'elaborato offre la possibilità di osservare quanto i giornali furono influenti, soprattutto quelli principali, prima ancora che gli altri mezzi di comunicazione di massa venissero creati e diffusi. Il periodo preso in esame, la prima guerra mondiale, evidenzia come la popolazione non avesse altra informazione al di fuori di quelle fornite dalla stampa, esponendola così alle falsità e alle mezze verità da questa raccontate. Il mio lavoro cerca di presentare alcuni esempi su come l'Ufficio Stampa si sia scagliato contro le testate italiane, costringendole a esporre fatti di natura fittizia. Oltre ai libri, indispensabili per ricavare le informazioni più importanti in un vasto intervallo di tempo, la mia ricerca si è concentrata sull'analisi degli articoli del «Corriere della Sera» dal 1914 al 1918, accuratamente selezionati e scelti per risultare idonei alle mie esigenze. La struttura, onde evitare confusione, è predisposta cronologicamente nei tre capitoli elaborati. Questa scelta ha permesso di rilevare i cambiamenti del quotidiano milanese, spesso caratterizzato da sentimenti differenti. Come prima cosa viene studiata la situazione del giornalismo italiano nel suo complesso, prendendo in considerazione tutte le testate e delineando la situazione generale durante la Grande Guerra. Il lavoro svolto nel primo capitolo si fonda più sulla bibliografia che sulle fonti. Nel secondo e nel terzo capitolo mi sono concentrato sugli articoli ricercati, lasciando ampio spazio a come il «Corriere» raccontò gli eventi epocali di quegli anni, evidenziando anche ciò che non veniva detto, per via del grande lavoro effettuato dalla censura. Nel secondo capitolo, dunque, viene analizzata la corrispondenza spedita dal fronte, firmata dai grandi giornalisti che hanno fatto la storia del nostro paese. Verrà notato come, soprattutto in questo capitolo, la censura lavorò in maniera massiccia 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

stampa
giornalismo
corriere della sera
guerra
prima guerra mondiale
austria
testata
fronte
1914
barzini
fraccaroli
civinini
albertini
salandra
informazione
einaudi
firme
corrispondenze

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi