Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le trasmissioni radiotelevisive di avvenimenti sportivi nel diritto della concorrenza

Il lavoro si propone di analizzare il mercato dei diritti di trasmissione degli avvenimenti sportivi e il rapporto delle leggi che regolano tale mercato con il diritto comunitario della concorrenza: la materia è sviluppata in tre capitoli.
Nel primo capitolo si analizza lo sport all’interno dei paesi dell’Unione Europea ed il suo sviluppo storico, con particolare attenzione all’evoluzione che ha caratterizzato l’intervento dell’azione comunitaria in questo campo ed al rapporto tra lo sport e la politica della concorrenza.
Il capitolo secondo è dedicato all’analisi delle diverse tipologie di trasmissione televisiva (televisioni in chiaro, televisioni criptate e Video On Demand).
I meccanismi generali che governano la concorrenza tra emittenti televisive si articolano diversamente in relazione ai due diversi modelli di trasmissione, in chiaro e criptate. Le differenze tra i due modelli sono tali da configurare due distinti mercati con regolamentazione autonoma in modo che l’operatore, eventualmente presente in entrambi, è contemporaneamente soggetto a due discipline diverse.
Nel caso della televisione in chiaro il prodotto venduto è lo spazio pubblicitario all’interno dei programmi. La domanda di mercato è, dunque, costituita dalle imprese che vogliano sponsorizzare i propri prodotti.
Nel caso della televisione criptata, invece, il prodotto è costituito dai programmi televisivi venduti direttamente ai telespettatori i quali, quindi, rappresentano la domanda di mercato.
Nel terzo capitolo si approfondisce la disciplina comunitaria sull’acquisto e vendita dei diritti televisivi degli eventi sportivi e si analizza l’emendamento alla direttiva 89/552 CEE (emendamento 97/36/CE) adottato dal Parlamento Europeo con lo scopo di garantire che i telespettatori potessero continuare ad accedere ai maggiori avvenimenti sportivi in diretta sulle televisioni in chiaro.
Una questione importante, analizzata in questo capitolo, riguarda la titolarità dei diritti sportivi televisivi, nonché l’ammissibilità tanto della vendita collettiva quanto dell’acquisto dei diritti in esclusiva.
Per la trattazione dei diritti sportivi televisivi e delle questioni connesse a tale mercato (la legittimità dell’esclusiva; l’acquisto collettivo; la determinazione dei titolari dei diritti sportivi) ci si è serviti dell’analisi di alcuni importanti casi pratici, che permettessero di fare maggiore chiarezza sulla portata dei fenomeni di cui si è trattato.
Al termine del capitolo si analizzano nuove forme di trasmissione di eventi sportivi, e le potenzialità di internet in questo campo, come concorrente dei più classici metodi di trasmissione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa I diritti televisivi degli avvenimenti sportivi sono un prodotto commerciale che gioca un ruolo importante nello sviluppo del mercato televisivo e dello sport. L’acquisto e l’esercizio dei diritti in esclusiva è, in principio, compatibile con il sistema giuridico comunitario, con la riserva della loro conformità agli articoli 81 e 82 del trattato TCE. Il settore televisivo ha conosciuto delle profonde trasformazioni negli ultimi 10 anni, soprattutto per l’evoluzione tecnica. Le catene via satellite e via cavo si sono moltiplicate. Questa evoluzione ha dato una dimensione transnazionale nuova alla pratica dell’acquisto e della vendita dei diritti sulle manifestazioni sportive. Il presente lavoro si propone di analizzare il mercato dei diritti di trasmissione degli avvenimenti sportivi e il rapporto delle leggi che regolano tale mercato con il diritto comunitario della concorrenza: la materia è svi luppata in tre capitoli. Nel primo capitolo si analizza lo sport all’interno dei paesi dell’Unione Europea ed il suo sviluppo storico, con particolare attenzione all’evoluzione che ha caratterizzato l’intervento dell’azione comunitaria in questo campo ed al rapporto tra lo sport e la politica della concorrenza. Il capitolo secondo è dedicato all’analisi delle diverse tipologie di trasmissione televisiva (televisioni in chiaro, televisioni criptate e Video On Demand). I meccanismi generali che governano la concorrenza tra emittenti televisive si articolano diversamente in relazione ai due diversi modelli di trasmissione, in chiaro e criptate. Le differenze tra i due modelli sono tali da

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Barbra Panaro Contatta »

Composta da 261 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2717 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.