Skip to content

Studio preliminare per un ''programma di gestione'' del parco territoriale dell'Ofanto

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Giordano
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Giorgio Pizziolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

Le ragioni di questo studio.
Con il Decreto 3 aprile 2000 del Ministero dell'Ambiente sono stati individuati i siti di importanza comunitaria e le zone di protezione speciali, ai sensi delle direttive 92/43/CEE e 79/409/CEE elencati nel Supplemento ordinario alla GAZZETTA UFFICIALE 22-4-2000 - Serie generale - n. 95.
Per la Puglia nello specifico sono citati Siti di importanza comunitaria proposti ben 68 luoghi tra cui la “Valle dell’Ofanto - Lago Capaciotti” individuata con il codice sito natura 2000 IT9120011, come da tabella allegata.
Un notevole passo avanti in materia ambientalista per la Puglia, dato che la Regione Puglia, in attuazione dei principi programmatici dello Statuto regionale, nonché dei principi generali della legge 6 dicembre 1991 n. 394, approvando la legge e le norme per l'istituzione e la gestione di aree naturali protette al fine di garantire e di promuovere la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturale e ambientale della regione, L.R. n° 19 del 24/07/1997, ha elencato 33 aree aree aventi preminente interesse naturalistico, nonché ambientale e paesaggistico, escludendo, in prima analisi, la Valle dell’Ofanto, nonostante sia una importante cerniera di paesaggio tra due delle aree protette scelte dalla Regione (Alta Murgia e Foce Ofanto) e di recente sia stata indicata dal Ministero dell’ambiente come sito di importanza comunitaria (riconoscendone quindi i presupposti di area naturale protetta così come previsto dalla Legge 6 dicembre 1991. n. 394). Importanza eloquentemente dimostrata dalla presenza dell’unico fiume di Puglia nel suo tratto senile, dalla vasta seppur ancora in parte inesplorata zona archeologica di Canne, ma anche dalla quantità di edilizia rurale presente testimone di una fiorente attività agricola passata, dalle opere di antropizzazione e regimentazione del sistema fluviale (contro-Ofanto) ormai in disuso, dalla presenza delle colture privilegiate di Puglia quali la vite e l’ulivo.
Tuttavia lo stato di degrado ambientale di tutta l’area pone come necessaria ed urgente la protezione attraverso misure restrittive dell’attività antropica, pena il depauperamento del patrimonio ambientale e culturale dell’area.
A questo proposito, il comune di Canosa di Puglia, nelle previsioni del PRG (al vaglio regionale, attualmente) ha destinato la parte di sua amministrazione come “Parco Territoriale” con una normativa vincolatoria sull’uso dei manufatti architettonici e delle attività agricole prospicienti al fiume; il comune di Barletta ha indicato per la zona contigua la vocazione ad uno sviluppo territoriale di indirizzo turistico-culturale. Per questo sono in corso i lavori per la realizzazione del Parco Archeologico di Canne della Battaglia, finanziato con fondi europei (segnali questi di una futura e obbligatoria proposizione alla individuazione e successiva istituzione del parco protetto dell’Ofanto).
Tutte le frecce puntano sull’alto valore ambientale riconosciuto del territorio, ma ancora non si è posta necessaria attenzione all’opportunità del parco protetto.
(D’altra parte è da farsi una domanda riguardo l’istituzione del parco protetto “Foce Ofanto”: come sarà possibile garantire una qualità ambientale se non tenendo conto dell’apporto liquido e solido del fiume essendone la foce parte integrante?)
Il testo della Legge Regionale prevede una revisione dell’elenco delle aree protette da parte del Consiglio Regionale ogni tre anni previa deliberazione di Giunta regionale e previo parere obbligatorio del Comitato tecnico-scientifico, anche sulla base delle richieste formulate dagli enti interessati e da organismi scientifici e associazioni (art. 5 comma 2).
E’ per ciò che si propone questo studio preliminare per il parco territoriale dell’Ofanto, evidenziandone i caratteri ambientali e le risorse potenziali che supporterebbero economicamente la costituzione del parco e la sua autonomia, secondo le indicazioni dell’articolo 7 della L. 394 sulle misure di incentivazione, e dell’art. 20 comma 3 della L.R.
Presentazione del lavoro di ricerca preventiva.
La proposizione del parco territoriale dell’Ofanto, supposta la conseguente individuazione da parte del Consiglio Regionale in carica, presuppone la predisposizione di massima dei documenti di indirizzo e lo schema di disegno di legge.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Premessa Le ragioni di questo studio. Con il Decreto 3 aprile 2000 del Ministero dell'Ambiente sono stati individuati i siti di importanza comunitaria e le zone di protezione speciali, ai sensi delle direttive 92/43/CEE e 79/409/CEE elencati nel Supplemento ordinario alla GAZZETTA UFFICIALE 22-4-2000 - Serie generale - n. 95. Per la Puglia nello specifico sono citati Siti di importanza comunitaria proposti ben 68 luoghi tra cui la “Valle dell’Ofanto - Lago Capaciotti” individuata con il codice sito natura 2000 IT9120011, come da tabella allegata. Un notevole passo avanti in materia ambientalista per la Puglia, dato che la Regione Puglia, in attuazione dei principi programmatici dello Statuto regionale, nonché dei principi generali della legge 6 dicembre 1991 n. 394, approvando la legge e le norme per I'istituzione e la gestione di aree naturali protette al fine di garantire e di promuovere la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturale e ambientale della regione, L.R. n° 19 del 24/07/1997, ha elencato 33 aree aree aventi preminente interesse naturalistico, nonché ambientale e paesaggistico, tra cui per la provincia di Bari e quella di Foggia le seguenti: A - Provincia di Bari: A1 - Alta Murgia A2 - Barsento A3 - Foce Ofanto A4 - Laghi di Conversano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

barletta
canne della battaglia
canosa
tutela dell'ambiente
architettura del paesaggio
pianificazione del territorio
parco dell'ofanto
valle dell'ofanto
parchi fluviali
parchi archeologici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi