Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La regolamentazione della missione ISAF in Afghanistan: profili giuridici ed organizzativi

Le attività poste in essere dall’ONU quale reazione ad una situazione potenzialmente conflittuale tra due o più stati od all’interno di uno stato vengono definite Crisis Response Operations (CRO), ovvero operazioni in risposta alle crisi.
Parte delle CRO sono, più specificatamente, le operazioni in supporto alla pace (PSO - Peace Support Operations), il cui lo scopo principale è il ripristino, con la forza o con la deterrenza, di una situazione di calma.
Viene approfondita in questa tesi la missione ISAF condotta dalla NATO in Afghanistan dal 16 aprile 2003.
Tale presenza è stata “formalmente” richiesta dal governo afghano ad interim è altrettanto vero che non è possibile prescindere dalla considerazione dei principi giuridici che fanno delle truppe ISAF una forza “di pace” e non una forza “di invasione”.

Mostra/Nascondi contenuto.
20 Cap. II – L’organizzazione della NATO 1. Costituzione della NATO. Non sarà superfluo, a questo punto, illustrare sommariamente l’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico, conosciuta con l’acronimo di NATO, poiché è attraverso le strutture NATO che, come si vedrà più oltre, la missione ISAF sta operando. La NATO, costituita nel 1949 in supporto al Patto Atlantico, firmato a Washington, è specificamente descritta nell’art.5 del trattato costitutivo, che così recita: ”Le parti concordano che un attacco armato contro una o più di esse, in Europa o in America settentrionale, deve essere considerato come un attacco contro tutte e di conseguenza concordano che, se tale attacco armato avviene, ognuna di esse, in esercizio del diritto di autodifesa individuale o collettiva, riconosciuto dall'articolo 51 dello Statuto dlle Nazioni Unite, assisterà la parte o le parti attaccate prendendo immediatamente, individualmente o in concerto con le altre parti, tutte le azioni che ritiene necessarie, incluso l'uso della forza armata, per ripristinare e mantenere la sicurezza dell'area Nord Atlantica”. La citazione dell’articolo di cui sopra è tanto più basilare, in quanto riassume con chiarezza lo scopo precipuo di costituzione della NATO: la difesa dei paesi dell’Europa Occidentale da una possibile iniziativa militare aggressiva dell’Unione Sovietica, in modo tale che se essa o un suo alleato avesse deciso un attacco contro uno qualsiasi dei paesi membri, questo

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Adriano Angelo Cagliani Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 863 click dal 25/05/2012.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.