Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le attività di placement delle università: il progetto Fixo

Nel contesto degli studi sul mercato del lavoro di cruciale importanza è l'analisi dei meccanismi della transizione scuola-lavoro, questione rilevante sia a livello sociale, poiché coinvolge le nuove “forze-lavoro” che andranno a costituire il futuro mercato del lavoro, sia a livello individuale, poiché determina in modo significativo le scelte di vita e la biografia del singolo. Il nostro lavoro si pone l’obiettivo di analizzare il ruolo delle università come intermediario tra i neolaureati e il mondo del lavoro attraverso la ricerca e l’analisi dei dati quantitativi provenienti dagli uffici Placement di tre atenei della regione Lazio che hanno aderito al progetto Fixo.
L’obiettivo comune del progetto Fixo e delle Università è di contribuire alla riduzione dei tempi d’ingresso nel mercato del lavoro dei neolaureati entro i diciotto mesi dal conseguimento del titolo sul territorio nazionale, attraverso interventi volti alla qualificazione e rafforzamento dei servizi di placement al fine di renderli sostenibili e in grado di erogare, in modo efficace ed efficiente, servizi e strumenti nell’ambito della filiera pubblico-privato dei servizi per il lavoro.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Nel contesto degli studi sul mercato del lavoro di cruciale importanza è l'analisi dei meccanismi della transizione scuola-lavoro, questione rilevante sia a livello sociale, poiché coinvolge le nuove “forze-lavoro” che andranno a costituire il futuro mercato del lavoro, sia a livello individuale, poiché determina in modo significativo le scelte di vita e la biografia del singolo. In particolare, il presente lavoro si focalizza sul momento della transizione dall' università al mondo del lavoro dei neolaureati. La crisi economica che ha colpito e continua a colpire duramente l’Italia ha avuto ed ha nei suoi effetti occupazionali una forte connotazione generazionale: i neolaureati sono stati molto più colpiti rispetto alle altre fasce d’età. Lo rivela il Consiglio nazionale dell’Economia e del Lavoro nel suo rapporto sul mercato del lavoro 2009-2010 [Cnel 2009]. Proprio in questo contesto si inserisce la legge 30/2003 la quale ha riformato il mercato del lavoro individuando nelle Università i nuovi attori con il compito di intermediare fra domanda e offerte di lavoro. In questo ambito normativo il Ministero del Lavoro, in accordo con il MIUR, ha affidato a Italia Lavoro un intervento di sistema, il progetto Fixo - Formazione e Innovazione per l’Occupazione - che funzionasse da volano di sviluppo per gli istituendi servizi di placement universitari offrendo supporto tecnico-metodologico, oltre che economico-finanziario, ai responsabili degli uffici ed agli operatori degli uffici. Il lavoro di questa tesi ha come obiettivo quello di analizzare il ruolo dell’università come intermediario tra i neolaureati e il mondo del lavoro, attraverso l’analisi dei dati degli uffici placement di tre atenei pubblici della regione Lazio che hanno aderito al progetto Fixo: Università degli Studi di

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Marco Perotti Contatta »

Composta da 136 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3007 click dal 05/06/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.