Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Estetica della Danza: Il Sentire e Il Muoversi in Erwin Straus

Scopo di questo elaborato è d’ illustrare il pensiero – fenomenologico ed estetico – dello psichiatra tedesco Erwin Straus: il suo distanziarsi dalla precedente tradizione psicologica come stimolo per l’andare alla riscoperta della primaria esperienza sensoriale umana e come base per trovare un modo nuovo di concepire la “malattia mentale”.
Data la complessità dell’argomento trattato, si è deciso di suddividerlo in tre grandi capitoli. Nel primo capitolo si prenderà in considerazione la crisi di psichiatria e psicologia: la sua origine, il suo insorgere, le soluzioni per rifondarla. Derivata dallo schema concettuale introdotto da Cartesio – ovvero lo scindere l’uomo in res cogitans e res extensa -, la crisi verrà avvertita sia nello stesso campo psicologico, sia in quello filosofico, e superata con il contributo di entrambi. Tra le rifondazioni possibili, si prenderà in esame quella proposta da Erwin Straus. Per introdurla, almeno a grandi linee, ci si soffermerà sull’approccio fenomenologico impiegato da Straus, sul rapporto tra fenomenologia e biografia dell’autore, e sull’approccio estetico, dispiegato in entrambe le sue accezioni: quella sensibile e quella artistica.
Nel secondo capitolo si approfondirà il tema dell’infeconda eredità cartesiana, seguendo la traccia della stessa critica strausiana a Cartesio e Pavlov. Ultimate le critiche – il cui accento sarà posto sull’erronea interpretazione dei sensi e del moto -, si analizzerà nel dettaglio l’obiettivo primario di Straus: la descrizione del sentire e la descrizione del muoversi. Esse, infatti, sono per l’autore un’inscindibile unità: non si può significativamente parlare dell’uno senza l’accompagnamento dell’altro. Per questo motivo, la discussione dello spettro dei cinque sensi – anche se in realtà i principali indagati saranno vista e udito - sarà collocata in chiusura del secondo capitolo.
Dal momento che Straus concepisce ogni senso come un modo specifico di comunicazione col mondo e come una particolare forma di spazialità, viene offerta la possibilità di passare oltre, di procedere alle problematiche dell’ultimo capitolo: il vero nodo tematico e l’obiettivo dell’esposizione dell’autrice dell’elaborato. Dapprima, si prenderanno in esame le molteplici forme di spazialità individuate da Straus sia nell’ambito del sentire – comprese le forme di spazialità psicotiche – sia nell’ambito del conoscere, per poi arrivare al particolare caso della danza. Anch’essa forma di spazialità, di unione tra sentire e movimento, di esperienza vissuta, la danza potrà essere d’aiuto alla comprensione di ciò che realmente distingue il sano dal patologico.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Scopo di questo elaborato è d’ illustrare il pensiero – fenomenologico ed estetico – dello psichiatra tedesco Erwin Straus: il suo distanziarsi dalla precedente tradizione psicologica come stimolo per l’andare alla riscoperta della primaria esperienza sensoriale umana e come base per trovare un modo nuovo di concepire la “malattia mentale”. Data la complessità dell’argomento trattato, si è deciso di suddividerlo in tre grandi capitoli. Nel primo capitolo si prenderà in considerazione la crisi di psichiatria e psicologia: la sua origine, il suo insorgere, le soluzioni per rifondarla. Derivata dallo schema concettuale introdotto da Cartesio – ovvero lo scindere l’uomo in res cogitans e res extensa -, la crisi verrà avvertita sia nello stesso campo psicologico, sia in quello filosofico, e superata con il contributo di entrambi. Tra le rifondazioni possibili, si prenderà in esame quella proposta da Erwin Straus. Per introdurla, almeno a grandi linee, ci si soffermerà sull’approccio fenomenologico impiegato da Straus, sul rapporto tra fenomenologia e biografia dell’autore, e sull’approccio estetico, dispiegato in entrambe le sue accezioni: quella sensibile e quella artistica. Nel secondo capitolo si approfondirà il tema dell’infeconda eredità cartesiana, seguendo la traccia della stessa critica strausiana a Cartesio e Pavlov. Ultimate le critiche – il cui accento sarà posto sull’erronea interpretazione dei sensi e del moto -, si analizzerà nel dettaglio l’obiettivo primario di Straus: la descrizione del sentire e la descrizione del muoversi. Esse, infatti, sono per l’autore un’inscindibile unità: non si può significativamente parlare dell’uno senza l’accompagnamento dell’altro. Per questo motivo, la discussione dello spettro dei cinque sensi – anche se in realtà i principali indagati saranno vista e udito - sarà collocata in chiusura del secondo capitolo.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Linda Mapelli Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1103 click dal 24/05/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.