Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Segnali di fumetto. Un percorso di analisi sociologica

L’obiettivo di questa ricerca è quello di proporre uno studio di un particolare mezzo di comunicazione: il fumetto. Il presente lavoro è costituito da due parti: un’analisi delle caratteristiche, delle proprietà e del processo evolutivo del medium e la presentazione di uno studio di caso: "Dylan Dog".

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La presente ricerca nasce con l’intento di inquadrare, da un punto di vista storico e sociologico, le radici culturali ed estetiche, nonché il percorso evolutivo, di un particolare mezzo di comunicazione: il fumetto. Il lavoro si dispiega in due diversi ambiti d’indagine: nella prima parte della tesi, infatti, ci siamo soffermati ad analizzare le caratteristiche, gli stilemi, le proprietà del comics, prendendo in esame i diversi processi che ne hanno accompagnato il mutamento; mentre invece, nella seconda parte, ci siamo concentrati nell’analisi di un case study. L’indagine parte dalla constatazione di un dato di fatto: rispetto a quella degli altri media (cinema o radio, per esempio), la vicenda del fumetto è stata alquanto complessa: la sua evoluzione, infatti, ha seguito un percorso per molti versi problematico e piuttosto tormentato. Per questa ragione, sarebbe forse opportuno, provare a fornirne una definizione quanto più chiara e accurata possibile. A tal proposito, nel primo capitolo abbiamo tentato di tracciare una sorta di profilo identitario del comics, circoscrivendo e delineando i contorni di questo medium. Tuttavia, non è affatto semplice cogliere i suoi molteplici rimandi estetici, le sue suggestioni simboliche, né tantomeno tutto il suo immaginario culturale racchiudendo il tutto in una definizione; d’altra parte, gli sforzi in questa direzione fatti nel corso del tempo da parte di autori di varia estrazione culturale – linguisti, psicologi, scrittori, semiologi, fumettisti, studiosi dell’arte e dei media, ecc.) sono stati numerosi, ma con risultati non sempre soddisfacenti. Anzi sono spesso emerse interpretazioni divergenti e, non di rado, contraddittorie. Di fatto, una definizione “da dizionario” non esiste (e forse non è nemmeno essenziale averla), ma è tuttavia fondamentale individuare alcuni elementi peculiari dai quali non è possibile prescindere. Ed è ciò che questa ricerca si propone di fare. Lo studio del fumetto prosegue, infatti, con un’analisi della sua struttura narrativa, concentrando l’attenzione sullo stile e sui codici espressivi utilizzati. Parola scritta e immagini rappresentano gli strumenti

Diploma di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Roberto Flauto Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1207 click dal 31/05/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.