Skip to content

Identificazione di mutazioni in pazienti italiani affetti da Amaurosi Congenita di Leber mediante analisi di microarray

Informazioni tesi

  Autore: Manuela Marescotti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Scienze Biotecnologiche
  Corso: Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche
  Relatore: Viola Calabro'
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 126

Lo scopo di questo lavoro di tesi è identificare e chiarire le basi molecolari della Amaurosi Congenita di Leber (LCA) in una popolazione di pazienti italiani e di eseguire per la prima volta una correlazione genotipo-fenotipo.
I campioni di DNA di 95 pazienti affetti da LCA sono stati analizzati dapprima utilizzando un microarray di genotipizzazione contenente varianti di sequenza in otto geni LCA associate alla malattia. Questa analisi ha consentito di individuare 19 mutazioni già note in 22/95 pazienti. In seguito, l’analisi mediante dHPLC e Sequenziamento Diretto ha consentito di individuare altre 12 mutazioni non ancora descritte in 12/95 pazienti. Tutti i soggetti, nei quali sono state identificate variazioni di sequenza causative di LCA, hanno subito una dettagliata visita oftalmologica.
Inoltre sono state identificate 36 mutazioni che nel campione esaminato rappresentano il 27%. Le variazioni di sequenza hanno interessato soprattutto i geni RPE65 (8,3 %), CRB1 (7,3 %) e GUCY2D (5,3 %), mentre in CEP290 solo nel 4,2 % dei pazienti analizzati.
L’ esame clinico ha messo in evidenza che i pazienti portatori di mutazioni in RPE65 e CRB1 conservano la capacità visiva nella prima decade di vita. Le mutazioni in RPE65 sono state associate anche ad un normale spessore retinico, come riportato dalla tomografia di coerenza ottica (OCT), mentre le alterazioni in CRB1 si accompagnano ad un ridotto spessore retinico e ad una retina grezzamente laminata. L’autofluorescenza del fondo è stata osservata in misura maggiore nei pazienti con mutazioni in RPE65 e GUCY2D, mantre risulta assente in pazienti con mutazioni in CRB1.
Le mutazioni nel gene RPE65 rappresentano un’importante causa di LCA nella popolazione italiana, a differenza delle mutazioni in GUCY2D e in CEP290 presenti con una frequenza minore. Questi risultati suggeriscono che l’epidemiologia genetica dell’LCA in Italia è diversa da quella riportata da precedenti studi negli Stati Uniti e nei paesi del Nord-Europa.
L’autofluorescenza nei pazienti con mutazioni in RPE65 è stata spesso associata ad un normale spessore retinico, il che suggerisce che le variazioni di sequenza in questo gene non si accompagnano ad una progressione della degenerazione retinica. Inoltre un normale spessore retinico e l’autofluorescenza del fondo oculare essendo indice di una retina non completamente distrutta e associandosi a mutazioni in RPE65 potrebbero essere un buon presupposto per sottoporre i pazienti con LCA e che presentano tali caratteristiche cliniche a protocolli di terapia genica in futuro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 PREMESSA Da sempre l’uomo ha considerato la vista come il senso a lui più caro, e soltanto l’idea di una vita priva di luce e colori potrebbe rendere fragile e precaria l’esistenza di chiunque di noi. Le malattie genetiche a carico dell’occhio sono numerose e rappresentano una percentuale molto alta del numero totale di tutti i disordini ereditari umani ed è stato stimato che almeno la metà dei casi di cecità che colpisce i bambini nell’infanzia abbia una o più componenti genetiche. Negli ultimi anni si sono moltiplicati i progetti di ricerca mirati all’identificazione e alla caratterizzazione di nuovi geni-malattia nella speranza di fornire, una volta identificato il difetto responsabile, le basi molecolari per approntare un’adeguata terapia. Per quanto riguarda le malattie ereditarie a carico della retina, nonostante i notevoli passi in avanti compiuti nella comprensione dei meccanismi molecolari alla base di numerose patologie, molti ancora restano i geni coinvolti responsabili da identificare. 1.1L’OCCHIO L’occhio è l’organo fondamentale dell’apparato visivo, ed è deputato alla percezione degli stimoli luminosi e ad una ricostruzione primordiale dell’orrizonte di esplorazione. Questo complesso organo di senso presenta, almeno nella maggior parte dei vertebrati (uomo compreso), una forma sferoidale, ed è situato all’interno dello spazio orbitario, circondato dalle pareti ossee della scatola cranica. Esso è delimitato da tre tuniche: fibrosa, vascolare e nervosa. (Figura 1)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi