Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il bias spaziale e l'attribuzione di causa: uno studio sulle differenze di genere

Questa ricerca vuole indagare alcuni fattori sottostanti al processo di attribuzione di causa e colpevolezza. Quotidianamente, infatti, le persone attuano scelte ed esprimono giudizi, sulla base di una conclamata logica di razionalità. In molti casi, tuttavia, essi non sono consapevoli di tutti i fattori che agiscono a livello cognitivo e che, in maniera congiunta, danno esito alle loro decisioni.
In questo studio si è focalizzata l’attenzione sugli aspetti spaziali e, nello specifico, sulle relative posizioni di due contendenti durante un contrasto. Ci si è chiesti, infatti, se, e come, questi fattori possano incidere sulle percezioni e sui giudizi di colpevolezza relativi ai due soggetti rivali.
In questo campo d’indagine, la letteratura ha messo in evidenza il fenomeno dello spatial agency bias (Chatterjee, Maher & Heilman, 1995b; Chatterjee, Southwood & Basilico, 1999; Maass, Pagani & Berta, 2007), per cui le persone mostrano una preferenza per le azioni che si svolgono da sinistra a destra e pongono, quindi, l’agente sulla sinistra. Questo fenomeno è prevalentemente legato alle abitudini di scrittura, che, per gli indoeuropei, procede da sinistra a destra, (Maass & Russo, 2003) ed è responsabile di scostamenti sistematici nella percezione e nel giudizio di scene in movimento (Maass, Pagani & Berta, 2007).
Il presente progetto ha due obiettivi principale. Per prima cosa, si vuole capire se questo fenomeno possa influenzare anche l’ambito delle attribuzioni di colpa; per fare ciò, è stato costruito un questionario composto da tre compiti. Il primo compito consisteva nel rispondere a degli items sull’attribuzione di causalità, dopo aver visionato delle scene di lotta; il secondo consisteva nel decidere la direzionalità dell’azione aggressiva, scegliendo fra due immagini speculari, ed il terzo, infine, consisteva nel disegnare una scena di lotta tra due individui. Il secondo obiettivo è indagare l’attribuzione di colpa a target maschili e femminili, in relazione al posizionamento di tali target, poiché la letteratura ha mostrato delle differenze del bias per questi due gruppi (Grusser, Selke & Zynda, 1988; Suitner & Maass, 2007; Maass, Suitner, Favaretto & Cignacchi, 2009).

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Questa ricerca vuole indagare alcuni fattori sottostanti al processo di attribuzione di causa e colpevolezza. Quotidianamente, infatti, le persone attuano scelte ed esprimono giudizi, sulla base di una conclamata logica di razionalità. In molti casi, tuttavia, essi non sono consapevoli di tutti i fattori che agiscono a livello cognitivo e che, in maniera congiunta, danno esito alle loro decisioni. In questo studio si è focalizzata l’attenzione sugli aspetti spaziali e, nello specifico, sulle relative posizioni di due contendenti durante un contrasto. Ci si è chiesti, infatti, se, e come, questi fattori possano incidere sulle percezioni e sui giudizi di colpevolezza relativi ai due soggetti rivali. In questo campo d’indagine, la letteratura ha messo in evidenza il fenomeno dello spatial agency bias (Chatterjee, Maher & Heilman, 1995b; Chatterjee, Southwood & Basilico, 1999; Maass, Pagani & Berta, 2007), per cui le persone mostrano una preferenza per le azioni che si svolgono da sinistra a destra e pongono, quindi, l’agente sulla sinistra. Questo fenomeno è prevalentemente legato alle abitudini di scrittura, che, per gli indoeuropei, procede da sinistra a destra, (Maass & Russo, 2003) ed è responsabile di scostamenti sistematici nella percezione e nel giudizio di scene in movimento (Maass, Pagani & Berta, 2007). Il presente progetto ha due obiettivi principale. Per prima cosa, si vuole capire se questo fenomeno possa influenzare anche l’ambito delle attribuzioni di colpa; per fare ciò, è stato costruito un questionario composto da tre compiti. Il primo compito consisteva nel rispondere a degli items sull’attribuzione di causalità, dopo aver visionato delle scene di lotta; il secondo consisteva nel decidere la direzionalità dell’azione aggressiva, scegliendo fra due immagini speculari, ed il terzo, infine, consisteva nel disegnare una scena di lotta tra due individui. Il secondo obiettivo è indagare l’attribuzione di colpa a target maschili e femminili, in relazione al posizionamento di tali target, poichØ la letteratura ha mostrato I

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Susanna Timeo Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 972 click dal 05/06/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.