Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Processo d'internazionalizzazione: modalità alternative e loro valutazione

Il processo d’internazionalizzazione definisce il percorso utile a un’impresa per espandere il proprio mercato oltre i confini nazionali. oggi, infatti, è chiamata ad operare in un contesto sempre più cosmopolita in conseguenza al fenomeno generalizzato della globalizzazione di domanda e offerta da cui difficilmente può astenersi. Il consumatore si è globalizzato: Levitt sostiene che i suoi bisogni si presentano sempre più uniformati, convergenti verso l’occidentalizzazione dei consumi. Si dimostrerà però che l’impresa trasforma il suo approccio in linea con quanto sostenuto dall’autore, senza però dimenticare che il consumatore globale conserva le peculiarità tipiche del contesto scoio culturale in cui è inserito, sottoscrivendo un “approccio glocale”. In passato il mercato principale di un’azienda era quello interno limitando all’esportazione un volume di vendite ridotto; la scelta di operare solo nel proprio Paese ancora oggi garantisce una certa sicurezza e stabilità che sicuramente viene a mancare agendo in un contesto globale. l’impresa nazionale rischia però da un lato di precludersi la possibilità di accedere a nuovi mercati in espansione, dall’altro mette a repentaglio anche lo spazio già conquistato. Si traduce in un’esigenza quasi imprescindibile per le imprese spinte dalla necessità di contrastare anche una concorrenza estera sempre più incombente: esse intraprendono la strada del processo di internazionalizzazione per rispondere efficacemente alla domanda globale e, al contempo, non venir schiacciate dal peso di imprese già multinazionali e soccombere in un mercato ormai saturo. La trasformazione dell’ultimo decennio ha creato nuove opportunità imprenditoriali ma anche nuove minacce. Le imprese vedono restringersi i mercati domestici e sono indotte ad ampliare il ventaglio geografico dei mercati per garantirsi lo spazio vitale necessario per continuare ad essere competitive. Quando l’ambito competitivo di un’impresa si allarga questa deve affrontare problemi più complessi: si presuppone l’identificazione di risorse finanziarie e di competenze dell’impresa unitamente alla conoscenza del mercato globale, oggetto della sua espansione. La stabilità politica ed economica che ha caratterizzato il XIX secolo, periodo in cui viene datata la nascita delle cosiddette imprese multi nazionali (IMN) ma che oggi invece si presenta più incerto ed eterogeneo, ha rappresentato uno scenario assai fertile per l’espansione del fenomeno. Ad essa si aggiungono innovativi sistemi di comunicazione, trasporti e flussi finanziari più rapidi che riducono drasticamente le distanze, fino a prevedere nuovi canali di distribuzione basati sul business to consumer che campeggia nel web. La globalizzazione non si traduce però nella conquista di mercati globali a senso unico; se per un certo periodo di tempo sono state le imprese occidentali a espandere la loro potenza nei Paesi asiatici o in via di sviluppo, è possibile testimoniare anche il processo inverso: se fino agli anni ’60 sono rimasti pressoché in sordina, oggi sono i Paesi dell’area BRIC a conquistare i più ricchi mercati occidentali e spesso le loro aziende. È un fatto che, soprattutto nell’ultimo decennio, i Paesi emergenti crescano più rapidamente dei Pesi già industrializzati e il baricentro della produttività e dell’esportazione mondiale si avvicina progressivamente a queste nuove realtà.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 “…The emergence of global markets for standardized consumer products on a previously unimagined scale. Corporations geared to this new reality benefit from enormous economies of scale in production, distribution, marketing and management…”. “…The multinational and the global corporation are not the same thing. The multinational corporation operates in a number of countries, and adjusts its products and practices in each - at high relative costs. The global corporation operates with resolute constancy – at low relative cost - as if the entire world (or major regions of it) were a single entity; it sells the same things in the same way everywhere…”. Levitt. [… L’emergere dei mercati globali per i prodotti di consumo standardizzati su una scala finora inimmaginabile. Aziende orientate a questa nuova realtà, beneficiano di economie di scala nella produzione, distribuzione, marketing e gestione…] [… La multinazionale e la società globale non sono la stessa cosa. La multinazionale opera in diversi paesi e regola i propri prodotti e le proprie pratiche in ognuno di essi, comportando alti costi relativi. La società globale opera con costanza risoluta, a basso costo relativo, come se il mondo intero (o gran parte di esso) fosse un’entità unica; vende le stesse cose nello stesso modo in tutto il mondo.] Il processo di internazionalizzazione definisce il percorso utile a un’impresa per espandere il proprio mercato oltre i confini nazionali. Oggi, infatti, è chiamata ad operare in un contesto sempre più cosmopolita in conseguenza al fenomeno generalizzato della globalizzazione di domanda e offerta da cui difficilmente può astenersi. Il consumatore in primis si è globalizzato: Levitt sostiene che i suoi bisogni si presentano sempre più uniformati, convergenti verso l’occidentalizzazione dei consumi. Si dimostrerà però che l’impresa trasforma il suo approccio in linea con quanto sostenuto dall’autore, senza però dimenticare che il consumatore globale conserva le peculiarità tipiche del contesto socio-culturale in cui è inserito, sottoscrivendo quello che viene definito un “approccio glocale”.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Erica Amerio Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2135 click dal 06/06/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.