Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il diritto al silenzio dell'imputato

La tematica del diritto al silenzio rappresenta un aspetto fondamentale della procedura penale, in grado di dispiegare i propri effetti tanto sul piano strettamente processuale, quanto su quello sistematico, indicando le scelte di fondo operate da un ordinamento in determinate epoche storiche. L’istituto qui in esame costituisce una garanzia imprescindibile del processo penale, dalla natura polivalente, che si articola tanto nel diritto a non essere interrogati, quanto nel diritto di tacere in senso stretto, così come nel principio di non autoincriminazione. Ciascuna di queste tre componenti contribuisce a creare e definire i diritti spettanti ad una persona imputata e sottoposta a procedimento penale.
La disciplina del contributo informativo dell’imputato alla ricostruzione dei fatti contribuisce a delineare gli aspetti di fondo di un impianto processuale: la storia mostra come nel rito penale si sia sempre registrata l’irrefrenabile propensione ad estrarre la verità di cui l’imputato è depositario, nel tentativo di colmare la distanza tra verità storica, assoluta ed oggettiva e verità giuridica, ineluttabilmente condizionata dal contesto in cui è resa e dai soggetti che conducono la ricerca. Il principio in base al quale nessuno è tenuto ad accusare se stesso o a fornire prove in tal senso rappresenta un’importante conquista operata attraverso i secoli, nel passaggio da un processo penale teso a carpire, ad ogni costo, il sapere dell’imputato ad un approccio, al contrario, ispirato dal rispetto della libertà di autodeterminazione del soggetto contro cui si procede.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 Introduzione. La tematica del diritto al silenzio rappresenta un aspetto fondamentale della procedura penale, in grado di dispiegare i propri effetti tanto sul piano strettamente processuale, quanto su quello sistematico, indicando le scelte di fondo operate da un ordinamento in determinate epoche storiche. L’istituto qui in esame costituisce una garanzia imprescindibile del processo penale, dalla natura polivalente, che si articola tanto nel diritto a non essere interrogati, quanto nel diritto di tacere in senso stretto, così come nel principio di non autoincriminazione. Ciascuna di queste tre componenti contribuisce a creare e definire i diritti spettanti ad una persona imputata e sottoposta a procedimento penale. La disciplina del contributo informativo dell’imputato alla ricostruzione dei fatti contribuisce a delineare gli aspetti di fondo di un impianto processuale: la storia mostra come nel rito penale si sia sempre registrata l’irrefrenabile propensione ad estrarre la verità di cui l’imputato è depositario, nel tentativo di colmare la distanza tra verità storica, assoluta ed oggettiva e verità giuridica, ineluttabilmente condizionata dal contesto in cui è resa e dai soggetti che conducono la ricerca. Il principio in base al quale nessuno è tenuto ad accusare se stesso o a fornire prove in tal senso rappresenta un’importante conquista operata attraverso i secoli, nel passaggio da un processo penale teso a carpire, ad ogni costo, il sapere dell’imputato ad un approccio, al contrario, ispirato dal rispetto della libertà di autodeterminazione del soggetto contro cui si procede. I progressi raggiunti nell’ambito della cultura processualpenalistica, ispirati da nuovi ideali di giustizia, ove la dialettica stato-cittadino non è improntata sullo strapotere del primo e la soccombenza del secondo, in ragione di un fine più grande rappresentato dalla garanzia della sicurezza, dalla lotta alla criminalità e dalla punizione del colpevole, unitamente alla consapevolezza che la verità processualmente conseguibile non può condurre ad una corrispondenza oggettiva ed assoluta ai fatti, hanno condotto a connotare il processo penale attraverso regole e forme definite a priori che garantiscano, oltre alle esigenze processuali di

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marta Bussolino Contatta »

Composta da 246 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6859 click dal 23/07/2012.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.