Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La concezione della Realtà in Lalla Romano - Elsa Morante - Anna Maria Ortese

Una rete di relazioni sotterranee, esito di una concentrazione di letteratura e ricerca esistenziale, intercorre tra le opere di tre scrittrici di una stessa generazione: Lalla Romano, Elsa Morante ed Anna Maria Ortese. Un’indagine sul segreto dell’Essere, nei luoghi e nei tempi del vivere umano, s’avvia alla ricerca della verità e della realtà, accomunando la loro scrittura.
Il presente lavoro tende a rintracciare questa rete di tematiche esistenziali le quali, imperniate sulla ricerca della realtà, traggono origine da diverse storie modellate attorno ai sentimenti dei personaggi. In tale prospettiva, le basi della loro concezione del reale s’allacciano ad uno sguardo analitico del mondo, raggiunto grazie ad un approccio che ne ritrae altre forme di conoscenza della sfera intima, quali: la memoria, i sogni, la fantasia e il surreale.
In virtù di questa essenza, comune alla loro scrittura, l’analisi realizzata si è circoscritta, per l’esemplificazione e le citazioni, ad una selezione delle loro opere1 che riflettesse questo cammino verso la concezione della realtà e ne chiarisse, in modo palese, le opinioni delle scrittrici (saggi, interviste e altri scritti). In un crescendo di metodi e di esempi verso la spiegazione tangibile e comune del loro concetto di realtà, senza soffermarsi sulle strutture narrative della loro produzione, le osservazioni sul mondo e la civiltà, sono state, in un inizio, divise per ogni scrittrice, allo scopo di segnalarne i diversi criteri analitici.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 I. INTRODUZIONE Una rete di relazioni sotterranee, esito di una concentrazione di letteratura e ricerca esistenziale, intercorre tra le opere di tre scrittrici di una stessa generazione: Lalla Romano, Elsa Morante ed Anna Maria Ortese. Un’indagine sul segreto dell’Essere, nei luoghi e nei tempi del vivere umano, s’avvia alla ricerca della verità e della realtà, accomunando la loro scrittura. Il presente lavoro tende a rintracciare questa rete di tematiche esistenziali le quali, imperniate sulla ricerca della realtà, traggono origine da diverse storie modellate attorno ai sentimenti dei personaggi. In tale prospettiva, le basi della loro concezione del reale s’allacciano ad uno sguardo analitico del mondo, raggiunto grazie ad un approccio che ne ritrae altre forme di conoscenza della sfera intima, quali: la memoria, i sogni, la fantasia e il surreale. In virtù di questa essenza, comune alla loro scrittura, l’analisi realizzata si è circoscritta, per l’esemplificazione e le citazioni, ad una selezione delle loro opere 1 che riflettesse questo cammino verso la concezione della realtà e ne chiarisse, in modo palese, le opinioni delle scrittrici (saggi, interviste e altri scritti). In un crescendo di metodi e di esempi verso la spiegazione tangibile e comune del loro concetto di realtà, senza soffermarsi sulle strutture narrative della loro produzione, le osservazioni sul mondo e la civiltà, sono state, in un inizio, divise per ogni scrittrice, allo scopo di segnalarne i diversi criteri analitici. I.1 Diversità biografiche di uno sguardo comune La produzione di queste tre scrittrici si concentra e si sviluppa nel secondo Novecento: diversi aspetti familiari, culturali, storici e politici hanno guidato e distanziato le loro divergenti esperienze di vita, le quali, ciononostante, si basano su una scelta esistenziale comune. Le date delle loro prime pubblicazioni corrispondono al periodo prebellico, e fin da allora si delineavano in esse la poetica e le tematiche conduttrici di tutta la loro produzione. Le componenti filosofico – esistenziali fluiscono dalla loro scrittura e sembrano rispondere ad una stessa condotta di alto impegno e rispetto morale in relazione ad ogni aspetto della vita.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Veronica Fincati Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1846 click dal 13/06/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.