Skip to content

Dissesto dei Comuni: esperienze e prospettive

Informazioni tesi

  Autore: Angelo Fornari
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dell'amministrazione
  Relatore: Angelo Clarizia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

Con il presente elaborato ho voluto svolgere uno studio approfondito sull’istituto del dissesto finanziario degli enti locali. Nonostante la normativa rivesta un grande interesse la produzione scientifica in materia è scarsa. Questo istituto, nato alla fine degli anni Ottanta, ha avuto una grande diffusione nei primi anni Novanta perché i comuni allettati dal contributo statale ne hanno fatto un uso abusivo. Nella seconda metà degli anni Novanta, invece, il ricorso al dissesto è stato sempre meno frequente. Oggi alla luce della crisi globale che ha investito i mercati mondiali e della normativa italiana sul federalismo fiscale, che non è ancora del tutto attuata, gli Enti Locali si trovano ad affrontare momenti di crisi che li portano a valutare sempre di più il ricorso a questo istituto, che è stato pensato come un intervento straordinario da adoperare solo in occasioni di reale paralisi strutturale. La straordinarietà è dovuta anche al fatto che quando viene avviata la procedura gli oneri per gli enti sono molto gravosi. Il dissesto si configura come una procedura concorsuale. Ma l’ente che vi ricorre è l’istituzione a cui l’ordinamento riconosce il compito di curare gli interessi della comunità locale. Proprio a causa di questi interessi vengono meno i vincoli tipici delle procedure concorsuali. Gli Enti locali non possono fallire. In ragione di ciò si deve ricorrere a questa procedura anche se i creditori dell’ente ne risentiranno fortemente. In ogni caso, quando il dissesto è stato applicato in maniera corretta ha dimostrato la sua efficacia. Nel primo capitolo per contestualizzare l’istituto ho descritto l’evoluzione storica della normativa in relazione al contesto storico-politico in cui si è sviluppata. Per capire l’effettiva attuazione che ha l’istituto nell’ordinamento è stato molto importante consultare numerose sentenze del T. A. R. e del Consiglio di Stato e della Corte Costituzionale. Dalle pronunce della Consulta è risultato che la procedura è coerente con il nostro ordinamento e non viola nessun principio costituzionalmente garantito. La Corte ha chiaramente dichiarato che l’interesse al proseguimento dell’attività amministrativa riveste un’importanza superiore rispetto ad altri interessi, come ad esempio quello al soddisfacimento del diritto di credito. Nel secondo capitolo ho analizzato in modo dettagliato la natura del’atto, la procedura che si affronta ogni volta che si dichiara il dissesto e le conseguenze che comporta. Nell’affrontare la descrizione della procedura di liquidazione ho descritto anche le conseguenze che ha sui creditori dell’ente. Nel terzo e ultimo capitolo ho descritto le conseguenze che ha il dissesto sulla comunità locale. Ho in seguito descritto un caso particolare. Il case study è quello di Roma Capitale che è singolare in quanto il Governo ha avviato con decreto legge la procedura di dissesto che è un atto che spetta al Consiglio dell’ente. Inoltre l’atto è obbligatorio, ove ne ricorrano i presupposti. La mancata delibera da parte del Consiglio e l’avvio della procedura tramite decreto impedisce l’impugnazione dell’atto davanti al giudice amministrativo. Nel terzo paragrafo ho descritto alcune esperienze passate e ho delineato una statistica anche in relazione alle caratteristiche dei comuni italiani che rappresentano un’eterogeneità dimensionale e strutturale non indifferente. Nell’ultima parte ho delineato le prospettive future dell’istituto. In accordo con una parte della dottrina è ragionevole affermare che se la normativa verrà adeguata al nuovo Titolo V della Costituzione il dissesto potrà rivestire un ruolo fondamentale nel nostro ordinamento e nel risanamento delle finanze dello Stato e degli Enti Locali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Con il presente elaborato si è voluto svolgere uno studio approfondito sull‟istituto del dissesto finanziario degli Enti Locali, descrivendone le principali modalità d‟attuazione e cercando di individuarne eventuali prospettive di sviluppo. La normativa in questione, oltre a rivestire un interesse dal punto di vista del diritto amministrativo, implica conoscenze di carattere specificatamente contabile e di finanza degli enti locali. Il dissesto, nato alla fine degli anni Ottanta, ha avuto una grande diffusione nei primi anni Novanta perché i Comuni, allettati dal contributo statale, ne hanno fatto un uso abusivo. Nella seconda metà degli anni Novanta, invece, il ricorso al dissesto è stato meno frequente. Oggi, alla luce della crisi che ha investito i mercati mondiali e della normativa prodotta in Italia in materia federalismo fiscale gli enti locali si trovano con meno risorse; contingenza questa, che li induce a tener in sempre maggior considerazione il ricorso al dissesto che è stato pensato come un intervento straordinario da adoperare solo in occasioni di reale paralisi strutturale. Tale istituto si configura come una procedura concorsuale sui generis per il fatto che, essendo il soggetto investito da essa un ente istituzionale, a cui l‟ordinamento riconosce il compito di curare gli interessi della comunità locale, non è soggetta ai vincoli tipici delle procedure concorsuali. Gli enti locali non possono fallire, per questo si deve ricorrere a questa procedura anche se i creditori dell‟ente ne risentiranno fortemente. In ogni caso, quando il dissesto è stato applicato in maniera corretta ha dimostrato la sua efficacia. Certamente la procedura, una volta avviata, comporta degli oneri molto gravosi per gli enti. Per questo deve utilizzarsi solo nei casi strettamente previsti. Il primo capitolo, ai fini della contestualizzazione, ricostruisce l‟evoluzione storica della normativa in relazione al contesto storico-politico in cui si è sviluppata. Un apposito paragrafo è dedicato allo spoglio delle pronunce della

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi