Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Platone e il mito

Dalla “curiosità” che una vicenda così singolare può suscitare, e dall'interesse che segue questa curiosità nasce questa riflessione su Platone e il mito.
Ho provato a capire che posto occupa nell'antichità ciò che noi oggi definiamo “mito”, quali sono i suoi rapporti con la nascente filosofia, e perché un esponente di così grande importanza nella filosofia occidentale, riabiliti, dopo un aspra battaglia combattuta contro di esso, il mito stesso.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Nella Grecia tra il settimo e il quarto secolo avanti Cristo avviene una vicenda più che singolare, una società con il proprio sistema di credenze e la propria particolare visione del mondo inizia a mettere in crisi il proprio sistema di valori, ripensando con distacco la propria tradizione fino a metterla in discussione. Da questa crisi nasce, dopo un processo lungo, articolato e tortuoso, una particolare visione del mondo, o meglio, un particolare modo di interrogarsi e porsi nei confronti della “realtà esterna” che diventerà dominante e peculiare per questo tipo di società stessa. Questo perlomeno quello che si può teorizzare applicando i nostri modelli e le nostre forme di pensiero, figlie di quella rivoluzione, ad un numero esiguo di documenti e testimonianze di quella epoca. Dalla “curiosità” che una vicenda così singolare può suscitare, e dall'interesse che segue questa curiosità nasce questa riflessione su Platone e il mito. Ho provato a capire che posto occupa nell'antichità ciò che noi oggi definiamo “mito”, quali sono i suoi rapporti con la nascente filosofia, e perché un esponente di così grande importanza nella filosofia occidentale, riabiliti, dopo un aspra battaglia combattuta contro di esso, il mito stesso. Ho provato, quindi, ad indagare la singolare posizione di Platone, che prima intraprende una crociata contro tutte le favole antiche raccontate dai poeti (definite come miti, appunto), e poi tenta di salvarne alcune che possono tornare utili al maestoso progetto di uno stato educatore; fino a giungere a “inventare” lui stesso dei miti. E in quest'ambito ho provato a comprendere che utilizzo Platone faccia dei miti da lui inventati e come li intenda. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Fedele Colasanto Contatta »

Composta da 36 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2232 click dal 14/06/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.