Skip to content

Radionuclidi dello iodio e loro radiofarmaci: aspetti fondamentali, normativi, metodologici e applicazioni biomediche

Informazioni tesi

  Autore: Pina Gomma
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master in Scienza e tecnologia dei radiofarmaci
Anno: 2011
Docente/Relatore: Maurizio Speranza
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

Illustrazione degli impieghi clinici dei radiofarmaci contenenti iodio, delle implicazioni normative e radioprotezionistiche sia per i pazienti, che per gli operatori sanitari e la popolazione. Quanto detto spiega perché la terapia radiometabolica debba venire effettuata in ricovero protetto. Il ricovero è indispensabile: 1) per proteggere dalla irradiazione esterna le persone dell’entourage (familiare, lavorativo, ecc.) del paziente quando si somministrano elevate attività di nuclidi emettitori gamma: 2) per raccogliere in “scarico contenuto” la rilevante attività eliminata per via urinaria nei primi tempi dopo la somministrazione (per lo 131 I, soprattutto i primi 2 giorni). Questo allo scopo: - di proteggere le persone del nucleo familiare da contaminazione (e incorporazione tiroidea del radioiodio), motivo cogente se esso comprende bambini e donne gravide; - di proteggere i gruppi critici della popolazione dall’inquinamento radioattivo delle matrici ambientali (motivo cogente solo per l’uso dello 131 I).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Radionuclidi dello iodio e loro radiofarmaci: aspetti fondamentali, normativi, metodologici e applicazioni biomediche. 1. Cenni storici e caratteristiche generali dello iodio. Lo iodio è stato scoperto nel 1811 da Bernard Courtois, è un elemento molto diffuso in natura ma presente in minime percentuali. Quasi tutti gli esseri viventi contengono tracce di iodio. Lo iodio sotto forma di ioduro è presente in minima quantità nell’acqua del mare; è più abbondante in alcuni depositi salini, come il nitro del Cile, in cui si ritrova come iodato di sodio. Lo iodio molecolare (I2) ha color grigio nerastro, di aspetto metallico, si presenta in scaglie traslucide, con odore pungente. Lo iodio sublima a temperatura e pressione atmosferica, è poco solubile in acqua, mentre è solubilissimo nelle soluzioni di acido iodidrico e di ioduro di potassio. E’ solubilissimo in alcool ed in etere (soluzioni brune), nel solfuro di carbonio e nel cloroformio (soluzioni violette). Lo iodio appartiene al 7° gruppo della Tavola Periodica detto gruppo degli alogeni. Questi elementi sono detti così per la loro proprietà di formare sali. Il termine alogeno deriva dal greco àlos = sale e ghénein = generatore. Questi elementi presentano nel livello più esterno 7 elettroni, uno in meno per completare l’ottetto, che si può avere attraverso due possibilità: acquistando un elettrone (e questo spiega il fatto che sono tutti energici ossidanti), oppure mettendo in comune l’elettrone singolo 2p per formare un legame covalente. Il primo caso si verifica nella combinazione con atomi aventi minore elettronegatività; mentre il secondo caso si attua quando si ha la combinazione con atomi molto elettronegativi. Gli alogeni, essendo molto elettronegativi, hanno proprietà non metalliche che diminuiscono man mano che aumenta il loro numero atomico. Dal punto di vista chimico lo iodio somiglia agli altri alogeni, pur essendo il meno elettronegativo della famiglia. Ha infatti minore affinità per l’idrogeno ed è più facilmente ossidabile. Si combina con l’idrogeno soltanto a caldo e non reagisce con l’acqua né a freddo né a caldo. In soluzione acquosa agisce sugli ossidanti e sui riducenti, ad es. ossida il tiosolfato di sodio Na2 S2 O3 a tetrationato Na2 S4 O6 e questa reazione viene sfruttata per il suo dosaggio. Lo iodio ossida anche la soluzione di idrogeno solforato, riducendosi ad acido iodidrico. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rifiuti radioattivi
radioprotezione
decadimento radioattivo
ciclotrone
radioiodio
gammacamera
terapia radiometabolica
farmaci per la tiroide

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi