Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le dee feline nell'Antico Egitto. Aspetti iconografici e cultuali

Questa tesi, dopo un capitolo introduttivo sulle credenze religiose nell'antico Egitto e uno sul culto riservato ai felini, analizza le varie dee associate a questi animali., principalmente il gatto e il leone. Fulcro dell'analisi sono i vari aspetti che tali divinità condividono, e che hanno portato, nel corso del tempo, all'accostamento tra loro di più divinità, anche non feline, e alla formazione di aspetti sincretici di queste dee. La bibliografia disponibile, spesso abbastanza datata e le difficoltà che spesso si incontrano nel distinguere le varie dee feline l'una dall'altra, rendono questo tipo di studio complicato, ma costantemente in evoluzione grazie alle nuove scoperte.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1: INTRODUZIONE CARATTERI GENERALI DELLA RELIGIONE EGIZIA La religione è il riflesso di una cultura. Per questo, per affrontare uno studio sulle dee feline dell'Antico Egitto è necessario innanzitutto delineare i caratteri fondamentali della religione e della religiosità egizie e comprendere il rapporto di questa società con il mondo animale. Conoscendo la cultura egizia e la sua visone del mondo, comprendere i caratteri e le relazioni tra le loro divinità risulterà più semplice. La religione egizia è un complesso sistema politeistico costituito da circa 1500 divinità legate tra loro da una fitta rete di interrelazioni che senza dubbio è un aspetto alquanto affascinante della teologia egizia, ma, come scrive Richard Wilkinson, “To the modern viewers this panoply of seemingly countless deities – including animal, human, hybrid and composite forms – with their kaleidoscopic symbols and attributes often appears strange and confusing at best and quite unintelligible at worst 1 . Il culto solare era sicuramente il più importante per la società egizia a partire dalla IV dinastia, una società agricola ai margini del deserto. Alcuni dei simboli più diffusi e conosciuti si riferiscono proprio al culto del sole, come il disco solare, il serpente ureo posto sulla fronte del faraone e di alcune divinità, e l'wdjAt, l'Occhio di Ra. Tutti questi simboli, come vedremo più avanti, sono attributi anche delle dee leonesse, o loro manifestazioni. Gli antichi egizi avevano una visione del mondo fondamentalmente basata sul concetto di dualismo. Esisteva cioè una tensione permanente tra opposti cosmici, come la luce e il buio, quindi tra il giorno e la notte, tra la fertilità e la sterilità, ma soprattutto fra l'ordine e il caos. Uno dei concetti fondamentali della religione egizia è proprio quello di Maat (mAat), 1 R. Wilkinson, The complete gods and goddesses of ancient Egypt, Londra 2003, p. 6 4

Laurea liv.I

Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali

Autore: Desirée Roscini Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 967 click dal 25/06/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.