Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Alle origini della medicina del lavoro: la Diatriba di B. Ramazzini

Storia del libro che segna la nascita della medicina del lavoro e del suo autore il medico Bernardino Ramazzini, che all'inizio del '700 è il primo a volgere lo sguardo al lavoro come causa di molte patologie.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Cenni di storia della medicina tra ‘600 e ‘700 Nel ‘600 si vanno delineando alcuni indirizzi che si sarebbero sviluppati nei secoli successivi: iatrochimica e iatromeccanica possono essere considerate anticipazioni di biochimica e biofisica, interpretano le reazioni del corpo secondo le leggi della fisica e della chimica. La medicina acquisisce un nuovo sapere fisiologico, diverso da quello galenico, che fornisce le basi scientifiche alla pratica clinica. Si confrontano un’interpretazione chimica della patologia e un ritorno a Ippocrate; le dottrine mediche si rinnovano e progrediscono, nasce la medicina moderna. La filosofia di Cartesio e Bacone influenza la medicina, ma la figura che domina il pensiero scientifico di questo secolo è Galileo Galilei. Galileo contribuisce a una radicale trasformazione della conoscenza: la nascita della scienza moderna, la rivoluzione scientifica. Questo cambiamento comporta una nuova visione della natura e della scienza; la natura diviene un ordine oggettivo causale, un insieme di relazioni e di fatti governati da leggi; la scienza diviene un sapere sperimentale, matematico, intersoggettivo, il cui fine è la conoscenza oggettiva del mondo e delle sue leggi. Lo schema concettuale alla base di questa rivoluzione è bene espresso dal pensiero e dal duplice metodo galileiano: analitico-induttivo e sintetico-deduttivo, ‘sensate esperienze e necessarie dimostrazioni’, è il metodo ipotetico sperimentale della scienza moderna, che legge il mondo in termini matematici. La scienza di Galileo e la filosofia di Cartesio e Hobbes sono feconde per la medicina, la cui caratteristica ricalcando la svolta Galileiana alla scienza, diventa da qualitativa quantitativa: sono le basi su cui cresce la medicina iatromeccanica. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Chiara Didoni Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 970 click dal 20/09/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.