Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La procedura di infrazione tra i poteri della commissione e il ruolo della corte di giustizia (commento alla sentenza del 4 giugno 2009 causa c-109/08)

Analisi dei poteri della Commissione e della Corte di giustizia europea nell'ambito della procedura di infrazione. Commento alla sentenza contro la Grecia e altre sentenze.

Il presente lavoro è diretto, nella sua prima parte, a rappresentare una rapida panoramica delle singole fasi che compongono tale procedura mentre nella seconda parte vengono illustrati i passaggi fondamentali di fatto e di diritto esaminati dalla Corte di giustizia per la composizione della controversia succitata. Il lavoro termina con la disamina delle principali questioni prese in esame dalla Corte per addivenire alla sentenza: i ruoli delle istituzioni comunitarie coinvolte e il principio della proporzionalità nella determinazione della sanzione pecuniaria

Mostra/Nascondi contenuto.
II PREMESSA 1. Contenuto della trattazione «Sebbene l'art. 228 CE non precisi il termine entro il quale deve aver luogo l'esecuzione di una sentenza della Corte che accerti l'esistenza di un inadempimento, l'esigenza di un'immediata e uniforme applicazione del diritto comunitario impone che tale esecuzione sia iniziata immediatamente e conclusa entro i termini il più possibile ristretti» Corte di giustizia europea, Sentenza del 9 giugno 2009 Causa C-109/08 Commissione contro Grecia La Corte di Giustizia europea, con queste parole, ha voluto nuovamente ribadire la necessità di una puntuale e tempestiva applicazione del diritto comunitario. Tale necessità riveste un ruolo di estrema importanza sia per tutelare degli interessi generali perseguiti dalla legislazione dell'Unione, sia per proteggere i cittadini europei titolari di diritti soggettivi garantiti dal diritto comunitario. Uno dei principi cardine dell'ordinamento comunitario è proprio quello di leale cooperazione, art. 4

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Fabio Melchiorre Contatta »

Composta da 43 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 723 click dal 20/06/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.