Skip to content

L'assegnazione della casa familiare: problemi e prospettive

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Calligaro
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Raffaella Pasquili
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

La casa familiare rappresenta il luogo dove si radicano le abitudini, le usanze, il modo di vivere e si formano i sentimenti e i ricordi dei vari componenti il nucleo familiare; racchiude in sé una componente positiva che ci porta a considerala l’habitat della famiglia, ma anche quella negativa che scaturisce al momento della crisi coniugale oppure, di quella dei conviventi more uxorio.
L’istituto dell’assegnazione della casa familiare costituisce uno strumento di tutela dei figli, fa sì che, dalla separazione dei genitori non venga stravolta la loro vita; rappresenta una sorta di scoglio a cui aggrapparsi durante il naufragio del rapporto dei genitori. Molte volte, però è il campo di battaglia in cui si fronteggiano i due coniugi, o meglio i due genitori, come due schieramenti opposti, che non curanti, delle necessità dei figli, portano avanti una guerra patrimoniale atta alla distruzione dell’altro.
Tra le varie componenti con rilevanza economica, come l’assegno di mantenimento trova spazio l’istituto dell’assegnazione della casa familiare. Assegnazione che anche se avente dei riscontri economici dovrebbe essere finalizzata alla sola tutela della prole. In ogni caso, al godimento della casa familiare è possibile dare una quantificazione economica, pari al risparmio ottenuto dall’assegnatario, che a seguito dell’assegnazione non sarà ad esempio costretto a stipulare un contratto di locazione, comportando appunto per lui un risparmio in termini economici. La rilevanza economica dell’assegnazione viene considerata anche al fine della valutazione del bene, che può essere decurtato di un certo ammontare, stante la perdita di valore dell’immobile essendo assoggettato ad un vincolo di destinazione, anche se sui generis.
Nel corso dell’elaborato si cercherà di dare una visione d’insieme all’istituto dell’assegnazione della casa familiare, da prima sotto il profilo storico e nozionistico, per poi addentarsi nei vari aspetti delicati dell’istituto, emersi, anche durante l’applicazione giurisprudenziale.
A seguito dell’entrata in vigore della legge sull’affido condiviso dei figli, l’istituto che era già stato ridisegnato precedentemente, ha subito ulteriori modifiche. La più radicale è stata la previsione di rendere opponibile il provvedimento di assegnazione della casa familiare ai sensi dell’art. 2643 c.c.; la menzione di tale articolo ha sollevato numerose osservazioni, sia sotto il profilo dell’opportunità di tale richiamo, sia sotto il profilo strettamente applicativo della norma, in quanto ci si è chiesti se la normativa sul divorzio fosse stata tacitamente abrogata dalla legge sull’affido condiviso oppure se continuasse ancora ad operare.
Altre critiche sono state rivolte alla previsione dell’art. 155-quater c.c. secondo cui “il diritto al godimento della casa familiare viene meno nel caso che l’assegnatario non abiti o cessi di abitare stabilmente la casa familiare o conviva more uxorio o contragga nuovo matrimonio”. In particolare è stato necessario l’intervento della Corte Costituzionale in merito alla previsione che vuole la perdita del diritto di abitare la casa familiare a seguito di convivenza o di nuovo matrimonio, come sarà analizzato nel dettaglio nel corso dell’elaborato.
Questi e ad altri aspetti dell’istituto verranno analizzai nella pagine che seguono avendo di mira le prospettive di applicazione che si sono avute all’indomani dell’entrata in vigore della legge sull’affido condiviso, che tra le altre cose ha esteso anche l’ambito applicativo dell’istituto dell’assegnazione della casa familiare, uniformando anche il quadro normativo; ma senza dimenticarsi di volgere uno sguardo al passato e a come erano disciplinati, in presedenza i singoli aspetti dell’istituto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I L’EVOLUZIONE NORMATIVA DELL’ISTITUTO DELL’ASSEGNAZIONE DELLA CASA FAMILIARE 1. DAL CODICE CIVILE DEL 1942 ALLA RIFORMA DEL DIRITTO DI FAMIGLIA Dalla promulgazione del codice civile nel 1942 ad oggi, il diritto di famiglia ha subito numerosi ritocchi e riforme causati dall’evoluzione storica e sociale. Il libro primo “Delle persone e della famiglia”, entrato in vigore nel 1939 separatamente dai restanti libri, ricalca per molti aspetti il codice del 1865, anche se l’idea di famiglia trasfusa al suo interno è intrisa dei valori fondamentali che si respiravano in quel momento storico. Concordemente con la visione fascista, viene data grande importanza all’istituzione famiglia e alla sua gerarchizzazione interna. In relazione ai rapporti tra coniugi c’è una completa sottomissione della donna al marito; in particolare l’art. 144 del codice civile disciplinava la potestà maritale, secondo la quale il marito era il capo della famiglia, la moglie seguiva la condizione civile di lui, ne assumeva il cognome ed era obbligata a seguirlo ovunque il coniuge avesse fissato la residenza. La disuguaglianza tra moglie e marito si ha anche in caso di separazione personale, che era strutturata sul principio della colpa ma che vedeva atteggiarsi in modo diverso le singole cause a seconda di chi le avesse poste in essere. Ad esempio non costituiva causa di separazione l’adulterio del marito, se non nel caso in cui la violazione dell’obbligo di fedeltà avesse costituito ingiuria grave nei confronti della moglie. Solo con la Costituzione repubblicana vi è stata “la sostituzione della concezione gerarchica della famiglia, accentrata nella figura del suo capo, con la famiglia improntata al governo collegiale” 1 . 1 Gianpaolo Frezza, I luoghi della famiglia, Torino, Giappichelli, 2004, p.72.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

assegnazione
casa familiare
affido condiviso
diritto di famiglia
locazione
revoca
legge sul divorzio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi