Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Idrochinesiterapia

La tesi è rivolta alla rieducazione motoria in acqua per l'articolazione del ginocchio e della spalla.
Il ruolo dell’idrochinesi ricopre attualmente uno scenario molto ampio che ingloba numerose attività che variano i loro contenuti a seconda del contesto in cui vengono impiegate. Il significato di idrochinesiterapia non è altro che “terapia in acqua per il movimento”: alcune metodologie non utilizzano il movimento ma questo è sempre lo scopo finale.
Recentemente anche il mondo dello sport si è indirizzato verso l’idrochinesi per lo svolgimento di preparazioni atletiche che utilizzano il mezzo acqua per la resistenza offerta nei movimenti e per la riduzione del peso corporeo sulle strutture vertebrali nelle esercitazioni di salto verticale riducendo di conseguenza le probabilità di incorrere in infortuni.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il ruolo dell’idrochinesi ricopre attualmente uno scenario molto ampio che ingloba numerose attività che variano i loro contenuti a seconda del contesto in cui vengono impiegate. Il significato di idrochinesiterapia non è altro che “terapia in acqua per il movimento”: alcune metodologie non utilizzano il movimento ma questo è sempre lo scopo finale. L’acqua favorisce, grazie all’azione antigravitaria che determina l’effetto di galleggiamento del corpo immerso, sia gli esercizi di movimento attivi che passivi, così le pratiche acquatiche trovano applicazione nella Riabilitazione sia Neurologica che Ortopedica, nel fitness con corsi collettivi di acqua-gym e idro-bike, nella fase neonatale con corsi di acquaticità neonatale. Recentemente anche il mondo dello sport si è indirizzato verso l’idrochinesi per lo svolgimento di preparazioni atletiche che utilizzano il mezzo acqua per la resistenza offerta nei movimenti e per la riduzione del peso corporeo sulle strutture vertebrali nelle esercitazioni di salto verticale riducendo di conseguenza le probabilità di incorrere in infortuni. 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Alessandra Cienzo Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4824 click dal 25/06/2012.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.