Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Caratterizzazione della probabilità di fuori servizio in una rete radiomobile cellulare

Nel campo delle radiocomunicazioni cellulari è fondamentale perseguire prefissati obiettivi di disponibilità imposti dalla sempre crescente domanda di servizi, che gli odierni e futuri sistemi radiomobili devono cercare di soddisfare.
In particolare ci si è riferiti ad un'importante classe di questi sistemi, ossia quella che si basa sulla filosofia cellulare per la copertura del territorio, in cui gli elementi critici che tale scelta comporta sono l'interferenza co-canale e le procedure di handover. Si è cercato, allora, di caratterizzare la probabilità di fuori servizio nell'ambito di un sistema multicellulare, in cui vengono ''naturalmente'' coinvolte le problematiche
di gestione dell'utenza attiva.
Diversamente dalla classica valutazione della disponibilità di un radiocollegamento, quando si opera in un ambiente multicellulare non è possibile limitarsi ad uno studio di carattere locale. Sembra più opportuno, invece, tener conto della mobilità degli utenti all'interno dell'area di servizio.
Questi due aspetti sono stati integrati in un unico contesto, nel tentativo di valutare i parametri di maggior interesse nei sistemi radiomobili cellulari: numero medio di handover, ritardo medio di handover e probabilità di fuori servizio. Lo scenario di riferimento è costituito da un cluster centrale e dall'insieme delle celle del primo anello interferenziale. Inoltre si è considerata la presenza di interferenti co-canale, sia per la stima della probabilità di fuori servizio che per modellare le intensità dei segnali coinvolti nell'algoritmo di decisione dello handover.

Nella valutazione delle prestazioni di quest'ultimo la probabilità di fuori servizio si è rivelata un parametro più significativo del ritardo medio di
handover. Quest'ultimo, infatti, non tiene conto della correlazione tra le componenti aleatorie dell'intensità del segnale sul canale attivo e del
processo su cui si basano le decisioni dell'attivazione dello handover. I risultati ottenuti sono risultati confortanti anche per ciò che riguarda
le scelte di progetto che scaturiscono dalla valutazione della probabilità di fuori servizio.

Mostra/Nascondi contenuto.
Prefazione Nel campo delle radiocomunicazioni e fondamentale perseguire pre ssatiobiettivi di disponibilita, cioe garantire all'utenza cheilcollegamentorimanga sempre attivo, fattaeventualmente eccezione per alcuni periodi di tolleranza la cui durata complessivadeve essere tuttavia ben nota e sotto controllo, almeno statisticamente. I progressi della tecnica hanno portato recentemente alla possibilitadiim-piegare gamme di frequenze nella regionedelle microondeedelle onde milli-metriche, con notevoli vantaggi legati all'elevata capacita trasmissiva. Questo aspettoriveste particolare interesse per la fornitura di servizi a larga banda ad unautenza sempre piuvastaehadato luogo ad un'intensa attivitadiri- cerca da partedella comunita scienti ca internazionale. In modo particolare,nell'ambitodei sistemi radiomobili rivestono un ruolo di primaria importan- za gli studi voltiastabilire daunpuntodivistateorico-modellistico, nonche sperimentale, le caratteristichedel canale di propagazione. Si comprende, infatti, come ora si chieda ben piudella semplice conoscenza delle statisti- chediattenuazione per veri carle in relazioneadundesiderato obiettivodi

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Wladimiro Carapucci Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2052 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.