Skip to content

Percorso diagnostico, terapeutico e assistenziale al paziente con Defibrillatore Cardiaco Impiantabile: dall'assistenza infermieristica in ospedale alla gestione in controllo remoto

Informazioni tesi

  Autore: Diana Martin
  Tipo: Tesi di Master
Master in Assistenza infermieristica in area cardiovascolare
Anno: 2012
Docente/Relatore: Rosario Cervellione
Istituito da: Università degli Studi di Milano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

L’espressione scompenso cardiaco consiste in una disfunzione che si può manifestare con insufficienza cardiaca congestizia, con coronaropatia o con aritmia, e il fatto che il cuore sia debole e quindi non pompa sangue in modo adeguato è un grande fattore di ospedalizzazione e mortalità.
Il cuore viene definito aritmico quando il ritmo è irregolare o variabile ed è una situazione pericolosa a cui si può ovviare mediante l’impianto di un defibrillatore cardiaco impiantabile, con il quale poter riconoscere e interrompere una aritmia pericolosa.
Tale dispositivo viene inserito nel torace e ha sia il compito di rallentare il cuore, quando accelera pericolosamente, mediante piccole scariche elettriche che eliminano il ritmo patologico, mentre il secondo compito consiste nell’inviare una scarica ancora più forte della precedente quando il cuore quando entra in fibrillazione generalizzata, soprattutto a livello ventricolare. Nel primo caso si parla di cardioversione, mentre nel secondo caso si ha una vera e propria defibrillazione.
Solitamente, viene utilizzato da quelle persone che soffrono di forme sostenute di tachicardia ventricolare o che hanno già subito un arresto cardiaco, anche se non a tutti i pazienti che hanno delle aritmie cardiache viene impiantato l’ICD.
L’intervento consiste in una piccola chirurgia, con l’incisione nel torace sotto la clavicola, e viene richiesto un breve periodo di ospedalizzazione. La vita migliora sin da subito, anche se vi sono delle limitazioni da tenere conto, ossia il non potere fare sforzi e il dovere stare lontani dai campi elettromagnetici.
A questo benessere fisico, però, non fa sempre seguito anche un benessere psicologico, in quanto è stato evidenziato che molti pazienti a cui è stato impiantato l’ICD riportano sintomi ansiosi e depressivi. In primis vi è lo stato di precarietà che il paziente sa che sta vivendo, e poi causa di forte stress è anche la scarica in sé, dalla quale proviene la preoccupazione per il malfunzionamento del dispositivo.
Ad ogni modo, questi sono i punti di partenza della presente tesi, la quale sarà suddivisa in due capitoli.
Nel primo di questi si tratterà esplicitamente del defibrillatore cardiaco impiantabile (ICD), esaminando prima i vari problemi legati alla morte cardiaca improvvisa, alla sindrome di Brugada, alla sindrome del QT lungo, alla tachicardia ventricolare e alla fibrillazione ventricolare, per poi passare, in merito all’ICD, alla stimolazione bicamerale, alla cardiomiopatia ipertrofica e alla sostituzione della valvola mitrale, terminando qui con le funzioni del defibrillatore e con le motivazioni che inducono alla sua introduzione.
Nel secondo capitolo, invece, l’attenzione si sposterà sull’assistenza ospedaliera, considerando il ruolo che l’infermiere ha nella gestione del paziente portatore di ICD e in cosa consiste l’intervento, e poi sull’assistenza ambulatoriale, in cui viene svolta l’educazione sanitaria al paziente con ICD. Dopodiché si passerà allo stress che viene causato dalle cardiopatie, nonché alla relazione tra l’ICD e la qualità della vita.
Infine, si concluderà con la disamina della telecardiologia, dei dispositivi per il controllo e il monitoraggio remoto dello scompenso cardiaco e del controllo dei parametri fisiologici, tenendo conto che per effettuare tutto ciò si necessita di una preliminare conoscenza da parte dell’infermiere che si occupa del monitoraggio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 1.1 IL DEFIBRILLATORE CARDIACO IMPIANTABILE Il defibrillatore cardiaco impiantabile (ICD) è un dispositivo in grado di riconoscere rapidamente una tachiaritmia maligna e di erogare, in modo tempestivo, una terapia elettrica. Questo dispositivo può essere monocamerale, bicamerale e biventricolare. Il primo possiede soltanto un elettrocatetere che viene impiantato nel ventricolo destro con funzioni di stimolazione e registrazione dell’attività di una camera cardiaca; il secondo prevede il posizionamento di un elettrocatetere in atrio destro e di uno in ventricolo destro, in modo da favorire la stimolazione, l’analisi e la classificazione del ritmo sia ventricolare che atriale. Nell’atrio destro viene impiantato un elettrocatetere che permette la precisa classificazione dei ritmi cardiaci, interrompendo in alcuni casi anche alcune forme di tachicardia sopraventricolare. Sia l’ICD monocamerale che bicamerale sono utilizzati per le aritmie ventricolari maligne.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

telemedicina
telecardiologia
pacemaker
icd
pm
sistemi impiantabili
defibrillatore cardiaco impiantabile
cardioverter
carelink
sistema latitude
assistenza infermieristica ai pazienti con icd
l'educazione al paz. con icd

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi