Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Ulisse omerico da Dante a Tennyson

La leggendaria figura dell'eroe omerico collegata al mito del viaggio, che corrisponde anche al suo lato più affascinante.
Il modo in cui a partire dall'antichità la figura del Re di Itaca è mutata agli occhi delle persone a seconda di come veniva intrapreso il viaggio.
L'ammirazione e la condanna che Dante gli riserva nel suo canto XXVI, l'esaltazione della sua figura nel corso dei secoli successivi mista al timore per quello che di brutto potevano portare i viaggi e la troppa sete di conoscenza, fino ad arrivare all'innovativa immagine di un Ulisse ormai vecchio e stanco proposta da Tennyson. Un viaggio nella comparatistica italiana e internazionale attraverso alcune delle opere che hanno fatto grande la letteratura.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 PREMESSA Il presente lavoro tratta della figura di Ulisse, l’eroe omerico protagonista dell’Odissea e di come la sua figura si sia evoluta nel corso dei vari secoli. Nella Divina Commedia, Dante immagina Ulisse come un dannato, relegato all’Inferno per la sua eccessiva brama di conoscenza e nella sua analisi della figura del Re di Itaca predomina il dubbio sulla sua moralità: esaltato per il suo coraggio e le sue virtù, e biasimato per aver abbandonato la sua famiglia in nome dell’avventura. Successivamente sono molti gli autori che, influenzati da questa visione dantesca, scelgono l’eroe greco come protagonista delle loro opere ponendo in risalto tale ambivalenza, almeno fino al XV secolo, quando egli diventerà un modello assolutamente positivo. Nel Rinascimento invece, la fine dell’ottimismo assoluto che aveva accompagnato ogni aspetto della scoperta dell’America, provoca un cambio di direzione negli autori, che riprendono il tema del gorgo dell’Ulisse dantesco, e quindi del suo naufragio. Infine nel Romanticismo, Alfred Lord Tennyson presenta un originalissimo Ulisse, tornato ad Itaca da anni, ma insoddisfatto della sua attuale vita e desideroso di partire per un ultimo viaggio, con la speranza di raggiungere una nuova terra ed allargare i propri orizzonti, pur essendo consapevole di non essere più l’uomo di una volta e di poter trovare la morte durante la navigazione .

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Marco Rossillo Contatta »

Composta da 43 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12217 click dal 10/07/2012.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.