Skip to content

Politica di coesione, capitale umano e inclusione sociale. Una comparazione tra Sicilia e Andalusia.

Informazioni tesi

  Autore: Esmeralda Bonasera
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Politiche Europee ed Internazionali
  Relatore: Martino Mazzoleni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

«Llegará un día en que todas las naciones del continente, sin perder su idiosincrasia o su gloriosa individualidad, se fundirán estrechamente en una unidad superior y constituirán la fraternidad europea. Llegará un día en que no habrá más campos de batalla que los foros en los que compitan las ideas. Llegará un día en que las balas y las bombas serán sustituidas por los votos» .


Il discorso profetico di Victor Hugo, nel quale si annunciava la realizzazione di un’unità fraterna tra le nazioni europee, diverrà realtà, attraverso numerose tappe, soltanto un secolo più tardi. Quest’anno l’Unione Europea celebra vent’anni dalla firma del Trattato di Maastricht: quando si è giunti alla firma del Trattato che ha dato vita all’Unione monetaria nessuno poteva prevedere di dover affrontare una crisi economica di tale portata, una crisi che avrebbe portato a dei ripensamenti sull’assetto organizzativo di una delle politiche più significative dell’Unione Europea o, come venne definita da Tony Judt, «la più influente leva a disposizione della Comunità», ovvero la politica di coesione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione «Llegará un día en que todas las naciones del continente, sin perder su idiosincrasia o su gloriosa individualidad, se fundirán estrechamente en una unidad superior y constituirán la fraternidad europea. Llegará un día en que no habrá más campos de batalla que los foros en los que compitan las ideas. Llegará un día en que las balas y las bombas serán sustituidas por los votos» 1 . Il discorso profetico di Victor Hugo, nel quale si annunciava la realizzazione di un’unità fraterna tra le nazioni europee, diverrà realtà, attraverso numerose tappe, soltanto un secolo più tardi. Quest’anno l’Unione Europea celebra vent’anni dalla firma del Trattato di Maastricht: quando si è giunti alla firma del Trattato che ha dato vita all’Unione monetaria nessuno poteva prevedere di dover affrontare una crisi economica di tale portata, una crisi che avrebbe portato a dei ripensamenti sull’assetto organizzativo di una delle politiche più significative dell’Unione Europea 2 o, come venne definita da Tony Judt, «la più influente leva a disposizione della Comunità», ovvero la politica di coesione. 1 «Arriverà un giorno in cui tutte le nazioni del continente, senza perdere il proprio temperamento o la propria gloriosa individualità, si fonderanno totalmente in un’unità superiore, costituendo la fratellanza europea. Arriverà un giorno in cui ci saranno meno campi di battaglia e più arene in cui si esprimeranno le idee. Arriverà un giorno in cui i proiettili e le bombe saranno sostituiti dai voti». Discorso di Victor Hugo, 1849. 2 Tutte le crisi economiche hanno avuto un impatto negativo sulla politica regionale: sin dalla crisi energetica degli anni Settanta, seguita dal crescente divario tra le regioni dovuto all’allargamento e dalla nascita del mercato unico, la politica regionale ha dovuto modificare il suo peso specifico. Appare, dunque, naturale che a seguito della crisi economica del 2008 la Commissione abbia ripensato all’allocazione delle risorse della politica di coesione, risorse fondamentali per avviare processi di crescita e sviluppo in molti Stati membri e nelle rispettive Regioni. A tal proposito, proprio a partire dal 2008 la Commissione con una serie di comunicazioni ha invitato gli Stati ad accelerare il processo di implementazione delle azioni previste nel periodo di programmazione 2007- 2013. L’attuazione delle comunicazioni è avvenuta attraverso l’adozione di alcuni regolamenti: Regolamento (CE) n. 1341/2008 del Consiglio del 18 dicembre 2008, che modifica il Regolamento (CE) n. 1083/2006 sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda alcuni progetti generatori di entrate; Regolamento (CE) n. 284/2009 del Consiglio del 7 aprile 2009, che modifica il Regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria; Regolamento (CE) n. 397/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 6 maggio 2009, che modifica il Regolamento (CE) n. 1080/2006 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale per quanto riguarda l’ammissibilità degli investimenti a favore dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili nell’edilizia abitativa; Regolamento (CE) n. 396/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 6 maggio 2009, che modifica il Regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo sociale europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE. Al fine di poter implementare in maniera più veloce le azioni sono state introdotte alcune misure volte alla flessibilizzazione delle modalità di finanziamento, come ad esempio quella che concede la possibilità di finanziare subito i cosiddetti «grandi progetti», ovvero quei progetti che superano i 50 milioni di euro, senza la necessità di ottenere l’approvazione preventiva della Commissione. Nell’ambito della semplificazione dei fondi invece sono state introdotte misure volte, ad esempio, alla semplificazione del sistema degli anticipi (gli anticipi sugli aiuti di Stato versati ai beneficiari possono coprire il 100% dell’importo) o alla semplificazione del sistema dei rimborsi (la Commissione può rimborsare spese per piccoli progetti su base forfettaria). Se da un lato questi interventi facilitano l’impiego delle risorse, permettendo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

capitale umano
politica regionale
fondo sociale europeo
politica di coesione
inclusione sociale
fse in sicilia
fse in andalusia
quadro strategico nazionale
marco estratégio nacional de referencia spagnolo
linee-guida riforma politica di coesione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi