Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La musica e le musiche. Un approccio sociologico

La musica, e, oggi più che mai, le musiche sono sempre più presenti nella vita degli individui, anche grazie all'uso massiccio che delle musiche viene fatto nei mezzi di comunicazione, dal semplice intrattenimento alla suggestione emotiva e psicologica finalizzata magari all'acquisto di un prodotto. Sono sufficienti questi pochi elementi per configurare un quadro in cui l'approccio sociologico alle musiche si rivella non solo utile ma ormai indispensabile per comprendere al meglio oltre che le musiche stesse anche le aggregazioni di individui e i contesti sociali in cui tali musiche sono presenti. Si ricostruisce quindi un percorso storico relativo alle teorie e agli autori che si sono occupati di Sociologia della Musica, dai tentativi giovanili di Georg Simmel, agli approfonditi studi di Max Weber, sino allo sguardo complesso e sistematico di Theodor W. Adorno. Si affronta il significato e la possibile definizione e rilevanza in senso sociologico dei generi musicali, per poi osservare nello specifico un confronto sulla musica jazz tra le tesi di Adorno e le idee del compositore George Gershwin, per poi passare ad una rapida rassegna su quale considerazione avessero alcuni sociologi di musiche da loro assai lontane, geograficamente e culturalmente.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Nazareno Lutzu Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4913 click dal 16/07/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.