Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sensori Ottici Polimerici per la Biomedicina

La tesi riguarda il progetto di un biosensore in guida d'onda polimerica che, sfruttando il principio della rifrazione della luce attraverso i liquidi, permette di valutare la percentuale di un qualsiasi valore caratteristico di un elemento, ad esempio la percentuale di alcool presente nel sangue o il PH dell'elemento stesso.

Al fine di ottenere risultati significativi è stato inoltre realizzato il software per lo studio della guida d'onda ed è stata modificata l'interfaccia grafica per la gestione del biosensore realizzata con la collaborazione del Dipartimento di Elettronica ed Elettrotecnica del Politecnico di Bari

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I POLIMERI E BIOSENSORI 1.1 Introduzione I polimeri sono sostanze composte da un insieme di macromolecole ottenuta dall’unione regolare di unità più semplici. Sebbene queste sostanze siano particolarmente poco solubili e difficilmente purificabili, presentano tuttavia una notevole leggerezza e resistenza meccanica (tenacità), alta resilienza e facilità di lavorazione (plasticità). La struttura molecolare è caratterizzata da un insieme di grandi molecole di forma simile a fili lungi migliaia di Å e di sezione di qualche Å 2 , compenetrati l’un l’altro e, quindi, di difficile traslazione. Si tratta di legami fisici differenti dai comuni legami chimici covalenti in cui ciascun atomo di una coppia di atomi contribuisce con un elettrone per formare la coppia di elettroni. Un aumento della temperatura fa diminuire questi legami e quindi il materiale acquista la fluidità per essere lavorato. L’unità chimica alla base della composizione del polimero è il monomero (comprendente un certo numero di atomi) che stabilisce un legame covalente con un successivo ed un precedente monomero realizzando una catena. Tali catene realizzano delle aggregazioni molecolari che possono essere suddivise

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marco Amato Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 510 click dal 23/07/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.