Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli eroi bambini del ''Corriere dei Piccoli'' e la fascistizzazione dell'infanzia (1933-41)

In questa tesi ho considerato il linguaggio e le illustrazioni utilizzate dal Corriere dei Piccoli, supplemento illustrato settimanale del Corriere della Sera, che durante il periodo fascista cercò di comunicare i valori propugnati dal regime attraverso piacevoli letture indirizzate specialmente ai bambini.
Il Corriere dei Piccoli nacque nel 1908 e rappresentò il primo esperimento italiano riguardo al fumetto.
Fu proprio uno dei principali e più importanti illustratori, A. Rubino, a dettarne i canoni. Non gli sfruttati balloon, che distraevano l’attenzione del lettore, ma didascalie sottostanti le vignette che rendevano un tutt’uno immagine e testo. Per di più per rendere facile la lettura e la memorizzazione, i testi vennero scritti in rima baciata o alternata. I disegni dal tratto semplici ed elementare diedero vita ad eroi bambini che divennero paladini e difensori dei valori fascisti.
Grazie alla fondazione nel 1926 dell’ O.N.B., i bambini erano già inquadrati in un certo modo di vivere e comportarsi e il Corriere dei Piccoli, divenendo un’importante medium della propaganda nazionalistica di regime, voleva divenire una divertente guida nel loro sviluppo e indottrinamento.
Alcuni slogan, gia propagandati a scuola, furono riproposti integralmente o rifrasati nei fumetti del Corriere, dove i piccoli protagonisti avevano il compito di propagandare tutte le attività fatte dal fascismo e spiegare attraverso metafore, la filosofia stessa del regime.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Eleonora Cocciolo Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2937 click dal 01/08/2012.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.