Skip to content

Il benessere psicologico nella relazione genitori e figli

Informazioni tesi

  Autore: Gioia Gori
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Barbara Giangrasso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

Il benessere psicologico e la felicità risultano essere componenti fondamentali per la salute mentale dell’individuo (Giannakopoulos et al.,2009). Alcuni autori sostengono che gran parte di queste due dimensioni è determinata dalle relazioni sociali, in particolare quelle con i genitori durante l’infanzia, tramite i processi di attaccamento, lo stile genitoriale (Bowlby,1969; Ainsworth,1979), la presenza di una casa e di cure confortevoli e di una comunicazione familiare aperta (Joronen & Astedt-Kurki, 2004). L’ipotesi alla base di questa ricerca consiste nel verificare se e come il benessere psicologico dei genitori e la felicità dei figli siano associati. Per verificare questa ipotesi si è utilizzato una campione di 34 coppie di genitori e figli; ai genitori è stata somministrata la Psychological Well-Being Scale (PWB); (Ryff, 1989) con l’intento di misurare il loro benessere psicologico; la Emotionality, Activity, Sociability Temperament Survey (EAS) (Buss & Plomin, 1984) per misurare il temperamento del figlio tramite il giudizio del genitore. Ai figli sono state somministrate, con lo scopo di misurare la felicità, la Subjective Happiness Scale (SHS) (Lyubomirsky & Lepper, 1999), la Faces Scale (Andrews & Whithey, 1976), il Fordyce Emotions Questionnaire (Fordyce, 1988) e il disegno del volto. I risultati dello studio condotto fanno emergere che il benessere psicologico dei genitori presenta solo una piccola associazione con la felicità dei figli, mentre sono risultate buone associazioni tra quest’ultima e il temperamento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 Introduzione. 1. Storia della Psicologia Positiva. Nel suo discorso del 1998 ai membri dell’American Psychological Association, il presidente Martin Seligman, parlando agli psicologi presenti, sottolineò la necessità di tornare alle origini della Psicologia e focalizzare gli sforzi non solo nella cura delle patologie mentali, ma anche sull’obbiettivo di rendere la vita delle persone più produttiva e appagante, identificando i talenti all’interno e aiutandoli a crescere (Seligman e Csikszentmihalyi, 2000). Queste erano infatti le priorità che la psicologia si prefissava prima dell’avvento della Seconda Guerra Mondiale; finita la guerra, con il ritorno dei soldati in patria, l’attenzione si spostò sul risolvere i problemi da essa derivati e sul riorientamento della vita dei veterani. In quel periodo nacquero molti ospedali per veterani e proliferò la ricerca per la cura della psicopatologie da parte dell’ Istituto Nazionale per la Salute Mentale (Seligman e Csikszentmihalyi, 2000). Il risultato di questo periodo di forte cambiamento di prospettive, fu l’adozione da parte dei terapeuti di un modello del funzionamento dei pazienti basato sulle patologie, sulle mancanze, e sui deficit piuttosto che sui punti di forza individuali, sulle virtù e sulle aree di benessere. Negli ultimi 10 anni, però la ricerca in Psicologia Positiva ha avuto ampio respiro e nel 2008 fu pubblicata la prima edizione del Journal of Positive Psychology dove furono raccolte tutte le ricerche che avevano come tema le emozioni positive, i punti di forza e il benessere. Sono stati pubblicati anche una grande varietà di libri esclusivamente sul tema della Psicologia Positiva, che inoltre, viene insegnata in molti colleges ed università. Sebbene la Psicologia Positiva sia ancora una branca in espansione e che ci sia ancora molto da comprendere, la letteratura fino ad ora disponibile suggerisce che è possibile che essa possa giocare un ruolo prominente anche nel counseling e nella psicoterapia. Il vasto movimento della Psicologia Positiva ho portato quindi, a mettere in luce aspetti come il ruolo fondamentale delle risorse e delle potenzialità individuali, che le ricerche precedenti, volte ad individuare deficit e punti di debolezza, avevano trascurato. L’originalità della Psicologia Positiva risiede anche nell’assunzione di un ruolo attivo nel promuovere e nello sviluppare le proprie risorse personali. Alla base di questo approccio vi è il concetto di prevenzione, la Psicologia Positiva studia i modelli teorici e i meccanismi che favoriscono il benessere soggettivo, la felicità e la promozione della qualità della vita a partire da condizioni di normalità (Sheldon e King, 2001, Seligman, 1990). 2. Il pensiero positivo. Il pensiero positivo è un costrutto latente rappresentato da i tre indicatori di Autostima, Ottimismo e Soddisfazione di vita, tre costrutti unici ma complementari fra loro (Steca e Caprara,2005). L’ipotesi è che ognuno dei tre costrutti rappresenti uno specifico sistema di pensiero che riflette un sottostante e comune processo cognitivo, che si manifesta nella tendenza 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

felicità
temperamento
benessere psicologico
psicologia positiva
benssere soggettivo
relazione genitori e figli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi