Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Hypnum cupressiforme come bioaccumulatore di metalli pesanti e di 137Cs nella città e nella provincia di Varese

La ricerca ha avuto lo scopo di valutare la deposizione di alcuni metalli pesanti (Cu, Pb, Zn, Mn e Fe) nella città di Varese, quantificandone la concentrazione nel muschio Hypnum cupressiforme, impiegato come organismo accumulatore. La stessa specie è stata anche utilizzata come bioaccumulatore di 137Cs, radionuclide artificiale, per verificare se muschi indigeni avessero conservato tracce dell’incidente nucleare di Chernobyl (1986). Il progetto di biomonitoraggio dei metalli si è basato sull’allestimento di otto stazioni biologiche ubicate nel centro di Varese e costituite da muschio trapiantato da bosco in appositi contenitori. I cauloidi, prelevati mensilmente (luglio 1997-giugno 1998), sono stati mineralizzati con HNO3 e analizzati mediante uno spettrometro a fluorescenza di raggi X in dispersione di energia. Sono stati confrontati i risultati ottenuti nelle stazioni nel periodo di ricerca, anche in considerazione dell’influenza di alcuni parametri climatici su deposizioni atmosferiche e bioaccumulo dei metalli. I muschi hanno dimostrato di accumulare i metalli indagati, anche se non in modo continuo durante tutto il periodo e non in misura uguale in tutte le stazioni e per tutti i metalli. Infatti il bioaccumulo è stato influenzato dalle condizioni climatiche e dalla localizzazione delle stazioni (distanza dalla strada, maggiore o minore esposizione al sole ed ai venti). Tuttavia la sperimentazione ha permesso di ottenere una prima indicazione sulla contaminazione da metalli a Varese e costituisce un approccio orientativo e innovativo sull’uso dei trapianti di muschi in area urbana. Per quanto riguarda la ricerca di radiocontaminazione, l’indagine è stata estesa alla zona Nord della provincia di Varese, in cui sono stati campionati muschi indigeni in ogni Comune. I muschi sono stati sottoposti a spettrometria gamma. I dati ottenuti hanno mostrato che il 137Cs, quando presente, si trova a basse concentrazioni e pertanto la radioattività residua non costituisce più un pericolo. La presente ricerca ha confermato quanto riportato in letteratura: i muschi, per la loro capacità di accumulo, permettono, con costi sensibilmente inferiori, di avere un numero maggiore di stazioni di monitoraggio di quanto non consentano le centraline elettroniche e conservano “memoria” per un tempo piuttosto lungo dell’assorbimento dei radionuclidi artificiali più persistenti, quali il 137Cs. Permettono quindi di ottenere un quadro più completo della distribuzione di tali deposizioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 INTRODUZIONE L’inquinamento dell’aria è definito generalmente in termini di concentrazione degli inquinanti immessi in atmosfera (Nimis, 1990). È un fenomeno estremamente variabile nel tempo e nello spazio in quanto dipende da numerosi fattori, quali il tipo di fonte inquinante, la direzione e l’intensità dei venti, l’orografia, le precipitazioni, l’altezza dei camini. Ne consegue che una valutazione precisa del grado di inquinamento è complessa. La corretta mappatura dell’inquinamento di una certa area mediante le tradizionali tecniche di monitoraggio (rilevamento quantitativo di singoli parametri chimici e fisici) necessita di uno studio basato su una rete di punti di misura a densità elevata (per poter usufruire di una statistica significativa) e sull’analisi di dati riferiti a prolungati periodi di tempo allo scopo di conoscere i valori medi dell’inquinamento. Le reti di rilevamento strumentale consentono di acquisire utili indicazioni, ma presentano limiti e costi elevati (Cenci e Palmieri, 1997). Le centraline elettroniche permettono l’indagine solo di alcune delle molte variabili che insieme regolano l’ecosistema e forniscono valori puntiformi e istantanei di queste variabili, non considerando la situazione temporale precedente e quella spaziale circostante al punto di indagine. Per questi motivi negli ultimi vent’anni, accanto alle analisi chimico-fisiche dell’aria, si è andato affermando l’utilizzo del monitoraggio biologico, cioè “il rilevamento delle alterazioni ambientali effettuato mediante l’uso di organismi animali e vegetali” (Nimis et al., 1989).

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Sara Larcher Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1554 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.