Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problemi diagnostici della fibromialgia: un approccio multidisciplinare

La malattia interessa inevitabilmente una varietà di aspetti psicologici che non possono essere trascurati, l’evento “malattia” infatti non è facilmente definibile: numerosi elementi concorrono alla rottura di quell’equilibrio fra individuo e ambiente che è alla base del benessere psicofisiologico e molteplici variabili sono presenti nel processo che porta da un tipo di risposta adattiva ad una reazione patologica.
La salute, così come la malattia e le disabilità si inseriscono in contesti relazionali, sociali e culturali, nelle opinioni di professionisti e della gente e interagiscono con i valori, le tradizioni, le immagini. Un ruolo importante è svolto dalle credenze e dagli atteggiamenti degli individui, ma anche dalle rappresentazioni inerenti la condizione dello star bene o dello star male condivise all’interno dei vari gruppi sociali, che sottostanno all’adozione di pratiche più o meno sane.
Approfondendo l’analisi della dimensione soggettiva dell’esperienza di salute/benessere e malattia, la Psicologia della Salute ha introdotto variabili esplicative nuove, suscettibili di migliorare la comprensione e la previsione di questi fenomeni, nonché la promozione della salute ossia quel processo che mette le persone in condizione di aumentare il controllo sulla propria salute e di migliorarla. La psicologia della salute rappresenta l’aggregato di diversi contributi: la comprensione individuale dell’esperienza di salute e malattia, i meccanismi e gli effetti dello stress sull’organismo, l’efficacia di interventi o trattamenti volti al miglioramento della dimensione psicosociale o comportamentale connessa con la salute, il modo in cui la persone convivono con una malattia, affrontano la riabilitazione e mantengono una buona qualità di vita. Con la nascita di questa disciplina si è giunti al progressivo riconoscimento dell’influenza degli aspetti psicologici e comportamentali sulla salute e malattia.
Interessante è l’emergere di relazioni significative tra l’osservanza da un lato e le “credenze sulla salute” dall’altro (percezione della gravità della malattia, percezione dei benefici del trattamento) nonché l’autopercezione della propria capacità d’azione.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La malattia interessa inevitabilmente una varietà di aspetti psicologici che non possono essere trascurati, l’evento “malattia” infatti non è facilmente definibile: numerosi elementi concorrono alla rottura di quell’equilibrio fra individuo e ambiente che è alla base del benessere psicofisiologico e molteplici variabili sono presenti nel processo che porta da un tipo di risposta adattiva ad una reazione patologica. La salute, così come la malattia e le disabilità si inseriscono in contesti relazionali, sociali e culturali, nelle opinioni di professionisti e della gente e interagiscono con i valori, le tradizioni, le immagini. Un ruolo importante è svolto dalle credenze e dagli atteggiamenti degli individui, ma anche dalle rappresentazioni inerenti la condizione dello star bene o dello star male condivise all’interno dei vari gruppi sociali, che sottostanno all’adozione di pratiche più o meno sane. Approfondendo l’analisi della dimensione soggettiva dell’esperienza di salute/benessere e malattia, la Psicologia della Salute ha introdotto variabili esplicative nuove, suscettibili di

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Claudia Calabrini Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2276 click dal 07/09/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.