Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto di riqualificazione stabile ex Maestoso

Un progetto per ridare vita a uno stabile abbandonato nel cuore di Milano: l'ex cinema Maestoso e trasformalo in una ricchezza per la città.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Il tempo libero La tematica del tempo libero o del leisure ha avuto difficoltà ad affermarsi nella ricerca, soprattutto in Italia, mentre in altri paesi è un area di ricerca e un ambito della formazione scolastica. La letteratura italiana in merito è frammentata e spesso solo descrittiva. C’è un pregiudizio su questa tematica, è sovente ritenuta effimera; il giudizio oscilla da una valutazione critica a una preoccupata, come se si potesse esercitare un controllo sociale sul tempo libero, questo succede quando il leisure viene letto come spazio del consumo e quindi colonizzato da un sistema di produzione che rende alienante le attività svolte nel tempo libero . In Italia il tema ha suscitato interesse di natura più politica che non puramente scientifica, l’opinione pubblica era preoccupata per la collettività, queste tematiche assumevano il contorno di questione sociale emergente. Si presentava inoltre per la prima volta il problema del troppo tempo libero: quello dei disoccupati e dei giovani, soggetti che prima non esistevano. Era diffuso un atteggiamento paternalista e pedagogico da parte dei partiti di massa nel trattare la questione. L’interesse scientifico è stato scostante, diviso, si è concentrato più sulle attività che vengono svolte durante il tempo libero e non ha tenuto conto della cornice sociologica entro cui si collocano: la sociologia dovrebbe tornare ad analizzare le pratiche del e nel tempo libero in un ottica che ne evidenzi il percorso coerente verso una costruzione di senso individuale e collettiva 1 . Il processo di costruzione di senso del tempo libero è diventato sempre più individualizzante: il leisure non è più il tempo liberato dal lavoro, è diventato un momento di ricerca di autenticità e di costruzione del se, un modo per rispondere ai bisogni generati dal fatto che siamo esseri sociali. Che cos’è il tempo libero? Non è facile definirlo. Anche in letteratura non è mai stato definitivo univocamente. Ha coinciso di volta in volta con l'otium della tradizione romana e greca: accezione in cui viene sottolineata la non necessità, il tempo libero è tempo in cui si può esercitare il pensiero filosofico, connotato da un valenza etica ora positiva ora negativa. Alcuni sociologi, come Veblen, hanno utilizzato questa accezione per analizzare le pratiche della leisure class americana, con la differenza che questa classe economica nello scegliere i modi per impiegare il tempo libero segna un confine rispetto alle altre classi sociali da cui vuole distanziarsi: il tempo libero diventa quasi sinonimo di tempo dell’agiatezza. 1 Fabio Massimo Lo Verde, Sociologia del tempo libero, Ed. Laterza (2009), p. 9 4

Tesi di Master

Autore: Chiara Didoni Contatta »

Composta da 27 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1091 click dal 03/08/2012.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.