Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il patrimonio culturale intangibile nel Diritto Internazionale: definizione, disciplina e problematiche

Questa tesi affronta esaustivamente il complicato tema dell'origine e dell'evoluzione, nel contesto internazionale, del concetto di patrimonio culturale, dedicando particolare attenzione al concetto di patrimonio culturale intangibile.
Il lavoro è strutturato in tre parti e sviluppato con una prospettiva analitica storico-giuridica.
Nel primo capitolo si affronta in modo dettagliato il percorso che ha portato all'affermazione del concetto di patrimonio culturale intangibile nel sistema internazionale, codificato per la prima volta nella Convenzione UNESCO per la salvaguardia del patrionio culturale intangibile del 2003. La suddetta Convenzione è il centro focale del lavoro in quanto unico strumento specifico per la regolazione della materia nel quadro internazionale.
Il secondo capitolo studia minuziosamente il processo politico e giuridico (compresi i lavori preparatori) che ha portato all'adozione della Convenzione, e analizza interamente il contenuto di quest'ultima, offrendo particolare attenzione al regime di salvaguardia nazionale e internazionale con essa istituito. L'analisi critica considera, inoltre, le molteplici problematiche legate all'attuazione dello strumento. Vengono sintetizzati anche tutti gli altri regimi internazionali in cui, in modo più o meno diretto, ricade la protezione del patrimonio culturale intangibile (in modo particolare i regimi della proprietà intellettuale e dei diritti umani).
Infine, nel terzo capitolo, sono enucleate le problematiche salienti dell'intera disciplina e si offre una dettagliata spiegazione dei rapporti instauratesi tra i vari regimi giuridici istituiti a protezione del patrimonio culturale intangibile.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La protezione del patrimonio culturale, ed in modo particolare del patrimonio culturale intangibile, è al centro di un interesse internazionale crescente. Riprendendo una frase di D. Lowenthal: “The world rejoices in a newly popular faith: the cult of heritage” 1 . Le motivazioni di questo interesse risiedono principalmente nel mutamento della situazione internazionale e, all’interno di essa, dell’evoluzione della storia dei vari Paesi, occidentali e non, che ha messo in luce il ruolo importante che il patrimonio culturale e il patrimonio immateriale in particolare possono svolgere nel contesto mondiale moderno. Un ruolo ampio e multisettoriale che coinvolge un numero elevato di ambiti. Tra questi è possibile individuare non solo quello strettamente culturale ma anche quello sociologico, quello commerciale ed economico, quello politico, quello dei diritti umani, dei diritti delle popolazioni indigene e delle minoranze, quello della diversità culturale e della biodiversità - quest’ultime utilizzate come armi contro la globalizzazione. Il diritto internazionale ha dovuto sviluppare un quadro giuridico adeguato attraverso un percorso, non privo di difficoltà, che dalle questioni concettuali e di definizione porta all’istituzione di normative e, infine, alla garanzia della loro applicazione e alle strategie di coordinamento tra queste e altre discipline. Quanto detto a proposito del patrimonio culturale in generale resta valido se si concentra l’attenzione su una “parte di questo tutto”, ovvero sul patrimonio culturale immateriale (o intangibile) 2 . Esso è oggetto di un rinnovato interesse all’interno del dibattito giuridico internazionale. Molteplici sono le iniziative intraprese da parte di attori internazionali, nazionali e anche subnazionali in materia. Quanto detto trova sostegno in alcune evidenze. Innanzi tutto, come vedremo nel corso del lavoro, il concetto di patrimonio intangibile è relativamente nuovo e parzialmente ancora in via di definizione. Per dare un cenno introduttivo, potremmo dire che esso si riferisce a forme tradizionali di espressione culturale tramandate da una generazione all’altra, che vanno a costituire una parte importante di una data identità di gruppo o comunità 3 . Il processo della sua definizione, ed in particolare il passaggio da una concezione di patrimonio tangibile ad una di patrimonio intangibile, ha 1 D. LOWENTHAL, The Heritage Crusade and The Spoils of History, Cambridge, 1998, p. 1. 2 I termini patrimonio culturale intangibile e patrimonio culturale immateriale sono utlizzati in tutto il testo come sinonimi. 3 L. LIXINSKI, A Framework for the Protection of Intangible Cultural Heritage in International Law, tesi presentata per la valutazione al fine di ottenere il titolo di Dottore in giurisprudenza all’Istituto Universitario Europeo, Firenze, 2010, p. 15.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Sara Gabellini Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4465 click dal 28/08/2012.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.