Skip to content

Giovanni Boccaccio e il volgarizzamento di Livio. Questioni di attribuzione.

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Dell'oso
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Cesare Segre
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 49

Tra gli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso riprese il dibattito sull’attribuzione a Giovanni Boccaccio del volgarizzamento anonimo della Terza e Quarta Deca di Tito Livio. Ne furono protagonisti Giuseppe Billanovich e, soprattutto, Maria Teresa Casella, che provò a chiudere la questione tentando di dimostrare definitivamente l’autenticità dell’attribuzione boccaccesca . Il dibattito tuttavia non si arrestò; proseguì anzi a ritmo serrato, anche in vista di un’edizione critica che non vide mai la luce, e diversi contributi si alternarono fino alla metà degli anni Ottanta. Da allora, nonostante i problemi insoluti, nessuno più ha lavorato sulla questione né del volgarizzamento qualcuno sembra intenzionato ad allestire l’edizione critica .
Occorre, in primo luogo, ricostruire sistematicamente la storia di una questione antica; da Sicco Polenton in poi, l’ipotesi dell’attribuzione del volgarizzamento (e di quali deche) all’autore del Decameron attraversa il Rinascimento, riprende nel XIX e nella prima metà del XX secolo, fino ai nostri giorni. La Casella (ma già, prima di lei, Gian Antonio Arri ) tracciò a grandi linee una storia dell’attribuzione ; si tratta di un paio di pagine accompagnate da indicazioni bibliografiche esaustive, ma non approfondite. La storia della questione che intendiamo ricostruire muove proprio da questo contributo sommario: lo sviluppa nei dettagli, lo approfondisce e, per quanto possibile, lo completa.
In secondo luogo, è necessario aggiornare il regesto dei testimoni, poiché nel corso degli anni gli studiosi hanno segnalato alcuni manoscritti che non sono stati ancora esaminati in vista di un’edizione critica. Inoltre, se la storia dell’attribuzione e il regesto dei codici possono inserirsi a pieno titolo in un campo di ricerca compilativa, il raffronto linguistico-stilistico tra testo latino e volgare e lingua del volgarizzatore e di Boccaccio è tema sempre d'attualità. Questa dichiarazione trova ragione a seguito delle deboli argomentazioni della Casella, e, tanto più, dopo un saggio di Giuliano Tanturli . È quindi nostra intenzione riavviare la riflessione sul problema che, specialmente dopo gli articoli apparsi negli anni Sessanta, la monografia della Casella , intesa a chiuderlo e risolverlo, e le recensioni dubbiose degli anni successivi (oltre a Tanturli, almeno quella di Livio Petrucci), è rimasto aperto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
  4   1. INDAGINE PRELIMINARE SUL VOLGARIZZAMENTO LIVIANO Quel Livio, che fu sì copioso (…) nell’aspetto contento d’avere scritte tante storie vere. (G. Boccaccio, Amorosa Visione, Canto V) Tra gli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso riprese il dibattito sull’attribuzione a Giovanni Boccaccio del volgarizzamento anonimo della Terza e Quarta Deca di Tito Livio. Ne furono protagonisti Giuseppe Billanovich e, soprattutto, Maria Teresa Casella, che provò a chiudere la questione tentando di dimostrare definitivamente l’autenticità dell’attribuzione boccaccesca 1 . Il dibattito, tuttavia, non si arrestò; proseguì anzi a ritmo serrato, anche in vista di un’edizione critica che non vide mai la luce, e diversi contributi si alternarono fino alla metà degli anni Ottanta. Da allora, nonostante i problemi insoluti, nessuno più ha lavorato sulla questione. Né del volgarizzamento qualcuno sembra intenzionato ad allestire l’edizione critica 2 ; così risulta dal progetto editoriale dell’E.N.A.V. 3 , dove alla voce Tito Livio, Ab urbe condita (Terza e quarta deca) corrisponde la dicitura Volgarizzata da Anonimo: segno di una disputa ancora incapace di stabilire con certezza la paternità di uno tra i volgarizzamenti più rilevanti del Trecento. Per queste ragioni troviamo necessario riavviare l’indagine sull’attribuzione boccaccesca del volgarizzamento liviano. Occorre, in primo luogo, ricostruire sistematicamente la storia di una questione antica. Da Sicco Polenton in poi, l’ipotesi dell’attribuzione del volgarizzamento (e di quali deche) all’autore del Decameron attraversa il Rinascimento, riprende con vigore nel XIX e giunge alla metà del XX secolo, fino ai nostri giorni. I problemi ancora irrisolti accrescono l’alone di mistero che circonda questo testo. Inoltre, giacché una storia della questione attributiva non è stata mai sistematicamente intrapresa, riteniamo questa fase di lavoro un elemento essenziale non solo per la ricostruzione critica del testo, ma anche per lo studio della sua storia. In secondo luogo l’assenza di un’edizione critica ci spinge a una tappa successiva. Spesso dei volgarizzamenti due-trecenteschi mancano edizioni soddisfacenti o condotte con moderni                                                                                                                 1 Cfr. M. T. CASELLA, Tra Boccaccio e Petrarca. I volgarizzamenti di Tito Livio e di Valerio Massimo, Padova, 1982 2 Di ciò sono stato personalmente informato dal prof. Claudio Ciociola, Presidente dell’E.N.A.V. (cfr. n 3). 3 “Edizione Nazionale degli Antichi Volgarizzamenti dei testi latini nei volgari italiani” istituita dal Ministero per i Beni e le Attività culturali con D.M. del 7 febbraio 2003. Sito web: http://www.ilritornodeiclassici.it/enav/

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

italianistica
boccaccio
livio
volgarizzamento liviano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi