Skip to content

Impianto percutaneo transcatetere di bioprotesi valvolare aortica (TAVI) CoreValve: follow-up a tre anni

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Giuseppe Paradiso
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Medicina e chirurgia
  Relatore: Alessandro S. Bortone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

INTRODUZIONE
La carenza di evidenze cliniche riguardo la durata a lungo termine delle protesi valvolari aortiche percutanee attualmente disponibili è uno dei problemi maggiori riguardo la sostituzione aortica valvolare transcatetere (TAVI) . In questo studio è stato eseguito un follow-up clinico ed ecocardiografico a tre anni sull’outcome di pazienti sottoposti a TAVI mediante impianto di protesi Core Valve® di terza generazione (Medtronic Inc., MN, USA).

MATERIALI E METODI
Presso l’ Unità Operativa di Emodinamica Interventistica annessa all’Istituto di Cardiochirurgia dell’ Azienda Ospedaliera Policlinico di Bari, da Giugno 2008 a Marzo 2012 sono stati sottoposti a tale procedura 28 pazienti affetti da Stenosi Valvolare Aortica (SVA) severa, non eleggibili a chirurgia tradizionale. Questo follow-up è stato eseguito nell’ambito di uno studio multicentrico, che ha coinvolto un totale di 181 pazienti presenti nel registro italiano CoreValve. Il periodo di arruolamento è stato tra giugno 2007 ed agosto 2008. La coorte di studio è stata di 181 pazienti di cui 80 uomini (44,2%) e 101 donne (55,8%). L’età è stata di 80,9 ± 6,1 anni. La diagnosi di questi pazienti era di SVA severa sintomatica con un area valvolare aortica (AVA) inferiore ad 1cm2 (0,61 ± 0,23 cm2). Si è trattato quindi di un campione ad alto rischio chirurgico.La mortalità attesa a 30 giorni era del 24,0 ± 13,5% secondo il logistic EuroScore, e dell’ 11,4 ± 9,9% secondo lo score di mortalità STS.

RISULTATI
Il successo procedurale è stato raggiunto nel 92,0% dei casi.
La mortalità a 30 giorni è stata del 20,8% contro il 30,7% dello studio PARTNER.
La riduzione della sintomatologia dispnoica è stata raggiunta nel 75% dei casi con regressione di almeno una classe funzionale NYHA.

CONCLUSIONI
La nostra casistica di 28 pazienti nei 3 anni di follow-up è risultata dal punto di vista epidemiologico (considerando età e comorbidità) e degli outcomes perfettamente in linea con i risultati dello studio multicentrico cui ha partecipato il Laboratorio di Emodinamica Interventistica. Ad oggi disponiamo del più lungo follow-up disponibile per la procedura in questione.La TAVI eseguita con il sistema CoreValve Revalving da 18 Fr apporta benefici cardiovascolari sostanziali dal punto di vista clinico e funzionale in pazienti ad alto rischio con SA sintomatica in un follow up di tre anni.La maggioranza dei decessi nel follow-up sono da attribuire a cause non cardiache.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 1. LA STENOSI V ALVOLARE AORTICA (SVA) 1.1 Definizione ed eziopatogenesi La stenosi valvolare aortica è definita come un ostacolo al flusso di sangue attraverso la valvola aortica durante la fase di eiezione del ventricolo sinistro. Essa costituisce la patologia valvolare di più comune riscontro in Italia e negli altri paesi industrializzati 1 . Ciò dipende dall’ incremento della durata media di vita e dal declino della prevalenza del reumatismo articolare acuto. La causa più frequente di stenosi aortica è un’alterazione dell’apparato valvolare 2 , che ostruisce il flusso in seguito ad una diminuita mobilità deli lembi. L’ostruzione non valvolare del tratto di efflusso del ventricolo sinistro, è invece solitamente risultato di una stenosi congenita sovra o sotto-valvolare. Infine abbiamo l’ostruzione al flusso di tipo dinamico, che si realizza nella cardiomiopatia ipertrofica. Dal punto di vista eziopatogenetico distinguiamo la forma calcifica degenerativa, le forme congenite e quelle dovute a malattia reumatica. La forma calcifica degenerativa è un disordine lentamente progressivo che può portare ad una sclerosi e irrigidimento dei lembi valvolari fino ad una severa calcificazione con una grave alterazione della mobilità dei lembi valvolari e una riduzione conseguente dell’AVA 3 . In passato lo si considerava un processo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sostituzione valvolare aortica
tavi
durata
durability
aortic stenosis
stenosi aortica
protesi valvolari cardiache
heart valve prostheses

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi