Skip to content

Livio Mehus a Prato: nove dipinti in rassegna

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Corbo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia e tutela dei beni artistici
  Relatore: Maria Novella Barbolani Di Montauto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 78

Attraverso una breve panoramica della vita dell'artista vengono messe in risalto le doti e l'eclettismo artistico di un pittore ancora troppo poco noto alle grandi masse, il fiammingo Livio Mehus. La tesi si concentra sull'analisi, oltre che stilistica, anche sulla storia e le vicende che hanno riguardato le singole tele conservate nella città toscana. Il nucleo pratese è particolarmente degno di attenzione perché costituisce un saggio vero e proprio dei numerosi generi pittorici con i quali il Mehus si è confrontato: dalla pittura di paesaggio alla pittura devozionale, dai dipinti da cavalletto alla ritrattistica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Sono numerosi i pittori del Seicento fiorentino e a uno di questi è dedicato questo lavoro. Si tratta di Livio Mehus, un pittore di origine fiamminga ma trapiantato in Toscana, dal percorso artistico di non facile ricostruzione, dal momento che i punti cronologici ai quali appigliarsi sono pochi o piuttosto approssimativi. Molto famoso e apprezzato in vita, l'artista ottenne un grande consenso di pubblico e critica. Nonostante questo, per un certo periodo la sua fama si eclissò. Il Mehus venne riscoperto e riportato all'attenzione degli studiosi nel 1978. In quell'anno venne pubblicato da Mina Gregori un articolo sulla rivista fiorentina “Paradigma”, dal titolo: Livio Mehus o la sconfitta del dissenso. L'articolo, oltre a inaugurare la serie di scritti critici sul pittore, cercava di spiegare il motivo del declino della fortuna dell'artista e l'oblio in cui era caduta la sua arte. Lo studio della Gregori, inoltre, offriva una prima ricostruzione della cronologia dell'artista, che effettivamente scarseggia di precisi riferimenti periodici (eccezion fatta per pochi esemplari datati direttamente dal pittore). Nello stesso anno e nella stessa rivista, Piero Bigongiari pubblicò un altro articolo, intitolato Livio Mehus dalla macchia al tocco e la coeva scultura tardobarocca fiorentina, un intervento di taglio più critico sul linguaggio formale adottato dal pittore. Entrambi i testi costituiscono dunque il punto di partenza per gli studi critici sulla carriera artistica del fiammingo. Personalmente, l'accostamento a Livio Mehus non è avvenuto solo per interesse personale nei confronti della sua opera, ma anche perché nella città di Prato è conservato un nucleo consistente di sue opere; quindi, volendo anche trattare un tema artistico legato al patrimonio culturale della città, mi è sembrato un connubio perfetto passare in rassegna le tele di questo artista. La raccolta delle informazioni è stata frutto di una ricerca effettuata prevalentemente fra le biblioteche universitarie e non di Firenze (Biblioteca Umanistica, Biblioteca di Scienze dell'Architettura, Biblioteca Nazionale Centrale) e di Prato (Biblioteca A. Lazzerini). Nei cinque capitoli che compongono il lavoro, si è cercato di analizzare nel modo più esauriente e dettagliato possibile le nove tele conservate in città, cercando di individuare a quale momento del percorso artistico esse appartengono. Ogni capitolo 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

barocco
paesaggismo
medici
ritrattistica
prato
eclettismo
pittura devozionale
pittura fiamminga
pietro da cortona
livio mehus
san bartolomeo, prato
museo dell'opera del duomo, prato
galleria alberti, prato
monastero di san vincenzo, prato
quadreria comunale, prato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi