Skip to content

Le Emozioni: Comunicarle Analogicamente, Interpretarle digitalmente

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Venturino
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Gennaro Cordasco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

L’idea di scrivere una tesi sull’emozioni e l’espressione di esse attraverso la comunicazione non verbale nasce dal fatto che mi ha sempre incuriosita la personalità e l’interiorità delle persone con le quali mi trovo a relazionarmi.
In un mondo come quello odierno, dove siamo sempre tutti di corsa, e gli scambi faccia a faccia sono sempre meno frequenti, l’emotività è spesso accantonata, o per lo meno non le è dedicato il tempo necessario.
Il primo capitolo di questa tesi descrive cosa sono le emozioni e come esse sono state definite dai vari psicologi. In particolare James che le definisce “percezioni degli stati corporei” [James1901] e Oatley secondo il quale le emozioni sono stati mentali dotati di funzioni psicologiche coerenti e che risultano riconoscibili secondo criteri empirici e teorici”[Oatley1992].
La mia attenzione è stata colpita anche dagli studi di Darwin che le considera uno strumento a disposizione degli uomini per adattarsi all’ambiente. Le emozioni sono state studiate anche da Plutchik, il quale ha offerto, a mio giudizio, il contributo più importante, perché le ha descritte e ha individuato quelle primarie, riuscendo a inserire nel suo schema, il fiore di Plutchik, oltre che le emozioni primarie anche quelle secondarie e i diversi livelli d’intensità. Queste teorie sono funzionali per dimostrare la tesi di Ekman e Friesen secondo i quali le espressioni delle emozioni sono universali.
Questa teoria che condivido, mi ha spinto a ricercare, nel secondo capitolo, le varie forme di comunicazione non verbale delle emozioni, e un esempio interessante è quello dei disegni dei bambini. Essi trasmettono molte informazioni sulla loro emotività, sulla loro personalità, sul loro modo di vivere nell’ambiente e sugli eventuali traumi o problemi che non riuscirebbero a descrivere in altri modi.
Il terzo capitolo tratta di strumenti, come l’empatia, utili per relazionarsi agli altri e capire le emozioni di coloro coi quali ci rapportiamo. A questo scopo sono importanti anche i neuroni a specchio, che ci fanno capire come gli altri vivono le stesse situazioni che viviamo noi.
Il terzo capitolo descrive il progetto ERMIS, un progetto che attraverso l’analisi delle espressioni del volto, la postura, il tono della voce e il contenuto della conversazione, riesce a identificare le emozioni provate da chi è al di là dello schermo. Tale progetto, che prevede le varie tipologie d’impiego, tra i tanti utilizzi, potrebbe ad esempio essere usato per registrare i feedback dei partecipanti a un’ipotetica teleconferenza e, associandolo a un tutorial, si potrebbero modificare contenuto e velocità di somministrazione delle informazioni trasmesse.
Il quarto capitolo contiene due interessanti applicazioni per il riconoscimento automatico delle emozioni. Uno è il visual recognition, che come si evince dal nome è specializzato nel riconoscimento delle emozioni leggendo le espressioni del volto. Il visual recognition è in grado di individuare soprattutto le emozioni primarie.
Un altro software simile è quello ideato da Ekman, il METT, che prevede diversi livelli di difficoltà, è un modo per allenarsi a riconoscere le emozioni guardando i diversi aspetti che il volto assume quando si provano alcune emozioni, ed è possibile controllare l’esattezza delle nostre risposte al termine del test.
Questi programmi, supportati da studi e ricerche psicologiche dimostrano che effettivamente vi sono espressioni del volto universali, che sono messe in atto quando si provano determinate emozioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE L’idea di scrivere una tesi sull’emozioni e l’espressione di esse attraverso la comunicazione non verbale nasce dal fatto che mi ha sempre incuriosita la personalità e l’interiorità delle persone con le quali mi trovo a relazionarmi. In un mondo come quello odierno, dove siamo sempre tutti di corsa, e gli scambi faccia a faccia sono sempre meno frequenti, l’emotività è spesso accantonata, o per lo meno non le è dedicato il tempo necessario. Il primo capitolo di questa tesi descrive cosa sono le emozioni e come esse sono state definite dai vari psicologi. In particolare James che le definisce “percezioni degli stati corporei” [James1901] e Oatley secondo il quale le emozioni sono stati mentali dotati di funzioni psicologiche coerenti e che risultano riconoscibili secondo criteri empirici e teorici”[Oatley1992]. La mia attenzione è stata colpita anche dagli studi di Darwin che le considera uno strumento a disposizione degli uomini per adattarsi all’ambiente. Le emozioni sono state studiate anche da Plutchik, il quale ha offerto, a mio giudizio, il contributo più importante, perché le ha descritte e ha individuato quelle primarie, riuscendo a inserire nel suo schema, il fiore di Plutchik, oltre che le emozioni primarie anche quelle secondarie e i diversi livelli d’intensità. Queste teorie sono funzionali per dimostrare la tesi di Ekman e Friesen secondo i quali le espressioni delle emozioni sono universali. Questa teoria che condivido, mi ha spinto a ricercare, nel secondo capitolo, le varie forme di comunicazione non verbale delle emozioni, e un esempio interessante è quello dei disegni dei bambini. Essi trasmettono molte informazioni sulla loro emotività, sulla loro personalità, sul loro modo di 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi