Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fotografi e fotografie di Isernia

La ricerca ha come oggetto lo studio della storia della fotografia nella città di Isernia dalla fine dell’Ottocento fino gli inizi degli anni Sessanta. L'intento specifico è di tipo esplorativo. La documentazione relativa all'argomento è stata scarsa, se si escludono alcuni documenti riguardanti i danni causati dai bombardamenti e dai saccheggi avvenuti durante la seconda guerra mondiale, più precisamente nel 1943. La tecnica d’indagine utilizzata per questo lavoro è stata prevalentemente l'intervista. I cittadini di Isernia, parenti o conoscenti dei fotografi, si sono resi disponibili, previo contatto telefonico a farsi intervistare presso le loro abitazioni o studi. In alcuni casi, quando erano necessari chiarimenti su alcune tematiche, i contatti con le persone intervistate, sono proseguiti telefonicamente e per posta elettronica. Lo studio si compone di tre capitoli. Il primo capitolo costituisce, in forma essenziale, una panoramica storica della millenaria città, dalle origini sannite all’Unità d’Italia e fino allo sviluppo economico urbanistico avvenuto alla fine del XIX secolo. Il secondo capitolo riguarda i fotografi operanti a Isernia sia come amatori e quindi non necessariamente del “mestiere”, che come professionisti. Il terzo capitolo presenta prevalentemente fotografie di Isernia ripartite o per generi (come le foto cartoline) o per argomenti (come processioni, feste, fiere ecc.). Nella seconda parte del terzo capitolo si è voluto dare risalto alle donne isernine e alla loro particolare attività artigiana del merletto a fuselli, detto tombolo. Il terzo capitolo si conclude con un breve excursus storico sulle calamità che hanno caratterizzato nei secoli Isernia, i terremoti e il tragico bombardamento avvenuto nella seconda guerra mondiale, evento per il quale la città è stata insignita con Medaglia d'oro al valor civile nel 1960.

Mostra/Nascondi contenuto.
Fotografi e Fotografie di Isernia 1 1 I CAPITOLO 1.1 PROFILO STORICO DI ISERNIA Il Molise, regione più piccola del sud d’Italia, è stato definito da alcuni “L’Irlanda D’Italia” per il suo territorio collinare e montano ricco di corsi d’acqua, caratterizzato da paesaggi lussureggianti e incantevoli. Nell’Alto Molise, nella zona più a ovest della regione, tra il Lazio e la Campania, è situata la città di Isernia, che, in continuità con la sua funzione storica di centro rappresentativo della regione sannitica Pentria 1 .È diventata capoluogo di provincia dal 1970. Il nome Isernia è subentrato al latino “Aesernia”. L’etimologia da cui deriva tale termine è incerta. In base ad alcune ipotesi discenderebbe dalla radice etrusca “Aeser” o dalla lingua sannitica (osca) “Aisar” che indicano entrambi “Dio” e quindi città sacra, oppure infine dall’etimo indoeuropeo “ausa”, che significa “fonte” e quindi acqua, risorsa di cui è ricca la zona circostante 2 . Il capoluogo sorge su un‘altura che si estende tra le valli di due torrenti, il Carpino e il Sordo, i quali convergono nel Cavaliere, affluente del Volturno 3 . 1 In Enciclopedia http://www.treccani.it/enciclopedia/pentri/ “Pentri Antica popolazione del Sannio, la principale fra le tribù sannitiche. Opposti ai Romani nelle guerre sannitiche e durante la spedizione di Pirro in Italia, rimasero fedeli a Roma nel corso della campagna annibalica; successivamente ebbero parte attiva nella guerra sociale subendo la rappresaglia di Silla. In età preromana, il centro più importante fu Boviano; in epoca romana, nel territorio dei P . furono i municipi di Aesernia, Aufidena, Bovianum, Fagifulae, Saepinum, Terventum e Venafrum”.10/11/2011 2 F. Valente, Origine e crescita di una città, Ed. Enne, Campobasso 1982,pag. 39 3 Città e Paesi d’Italia, Enciclopedia Illustrata di tutti i Comuni Italiani, Istituto Geografico De Agostini, Novara 1968, V ol. IV , pag. 499

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cinzia Esposito Contatta »

Composta da 289 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 451 click dal 08/03/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.