Skip to content

L'integrazione dei migranti nell'Unione europea

Informazioni tesi

  Autore: Serena Conte
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Studi europei
  Relatore: Andrea Pierucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

La mia tesi analizza il passaggio da una Comunità basata esclusivamente su principi economici ad una costituita da principi, quali l'integrazione dei migranti nell'Unione europea.
Per molto tempo, anche dopo l'istituzione dei trattati istitutivi, l'obiettivo principale è stato quello di definire la Comunità europea sulla base di esigenze strettamente concernenti la politica d'immigrazione comune, che con il trattato di Amsterdam è divenuta una delle priorità più impellenti.
Inoltre, con l'approvazione del programma di Tampere si è resa necessaria l'affermazione dei principi basati sulla sicurezza interna e sulla lotta alle frontiere per combattere i fenomeni illegali al di fuori dell'Unione europea.
Successivamente, con l'approvazione del programma dell'Aja nel 2004 si è passati ad affermare le necessità di diritti più estesi anche ai cittadini di Stati terzi residenti nell'Unione europea, obiettivo che diviene prioritario con l'entrata in vigore del programma di Stoccolma. Esso ha reso possibile pensare a quali diritti assegnare ai cittadini di Stati terzi, soprattutto ai migranti: uno di essi è sicuramente la concessione della cittadinanza quale diritto che va di pari passo all'integrazione.
In questo processo di evoluzione verso un'Unione basata sull'integrazione e sui diritti, le istituzioni europee hanno contribuito in maniera determinante al'approvazione di importanti decisoni.
Tra queste figura l'istituzione dell'Anno della lotta alla povertà e all'esclusione sociale, che rappresenta una svolta nel campo dei diritti dei migranti, in quanto afferma la necessità di integrare gli stranieri anche in contesto sociale, garantendogli i medesimi diritti.
Le istituzioni, inoltre, hano spinto per l'approvazione di altri documenti, tra cui l'Agenda europea per l'integrazione, preceduta dall'Agenda sociale, nonchè la Rinnovata Agenda europea per l'integrazione, che ha reso possibile l'integrazione attraverso l'affermazione dei principi d'istruzione, formazione professionale.
In questo contesto, i migranti sono visti come una potente risorsa, oltre che culturale, anche economica.
Questo processo è stato possibile anche grazie all'approvazione del trattato di Lisbona nell'ottobre del 2009, ma è tuttora in costante cambiamento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Gli immigrati sono anche i nuovi cittadini e per loro serve un progetto più deciso di integrazione che, banditi definitivamente xenofobia e razzismo, rimedi alle vessazioni di tipo burocratico, elimini le disparità, finanzi le attività di supporto all’integrazione (…), in un contesto societario unitario quanto ai valori e alle regole ma rispettoso delle diversità culturali e religiose 1 In un mondo così diversificato ed eterogeneo porsi il problema dello sviluppo di una politica d’integrazione è fondamentale, non solo perché affronta una questione attuale all’interno dell’Unione europea, ma anche perché contribuisce a superare le difficoltà nel percorso verso una società più giusta ed equilibrata. Come è opportuno sottolineare, anche se il fenomeno dell’integrazione si è affermato a pieno solo in questi ultimi anni, tuttavia il problema del conferimento di diritti per gli individui stranieri provenienti da Paesi extraeuropei si è cominciato a porre alcuni decenni dopo la firma dei primi trattati CEE, CECA ed EURATOM, a partire dunque dagli anni ’80 in poi. Nel primo capitolo, infatti, tratto dell’importanza del cammino compiuto da quella che oggi è chiamata Unione europea, ma che fino a 50 anni fa non possedeva ancora gli strumenti necessari a definire il processo d’inclusione degli stranieri. I primi slanci positivi giunsero dalle istituzioni europee, che si impegnarono, anche se all’inizio con difficoltà, a regolare l’afflusso di stranieri da altri Paesi, ma si trattava soprattutto di norme atte a regolamentare invece che a permettere l’accesso e la conseguente integrazione. Infatti, norme sulla convivenza non furono approvate finché non fu chiara la distinzione tra lavoratori migranti, provenienti da altri Stati europei non ancora membri, le cui esigenze erano strettamente riguardanti l’attività economica, che prestavano in un Paese comunque vicino, e i migranti cui invece sarebbe stato opportuno concedere qualcosa in più della libertà di movimento per questioni riguardanti il mercato del lavoro. Indubbiamente, le cose cambiarono con l’istituzione dell’Unione europea nel 1992, anche se in materia d’immigrazione gli sviluppi più considerevoli si ebbero solo con l’adozione dei primi programmi sull’immigrazione legale ed il conferimento di diritti agli stranieri, cioè solo dopo che con il trattato di Amsterdam si era aperta una stagione legislativa che avrebbe segnato la svolta: non più solo norme per gli europei, ma anche libertà di movimento oltre i confini europei. 1 Caritas/ Migrantes, Immigrazione. Dossier Statistico 2005, Idos, Roma, 2005.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

programma dell'aja
programma di tampere
programma di stoccolma
agenda europea per l'integrazione
rinnovata agenda europea per l'integrazione
trattato di lisbona

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi