Skip to content

Analisi e progettazione di strumenti e tool per la difesa dei minori in Internet e la lotta alla pedopornografia

Informazioni tesi

  Autore: Rosa Linda Romano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria dell'informazione
  Relatore: Michele Malgeri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 175

Comunicare: da sempre l’uomo ne ha avuto esigenza, e ha usato il suo ingegno per inventare mezzi di comunicazione e informazione sempre più raffinati. Dai manoscritti alla stampa, dal telegrafo al telefono, dalla fotografia al cinema, dalla radio alla televisione, fino alla digitalizzazione dei segnali. Nel 1976 nasce il termine “telematica”, crasi dei termini telecomunicazioni e informatica: grazie alle telecomunicazioni che si combinano con l’informatica si creano reti di collegamento in tutto il mondo, nasce il “villaggio globale” costituito da Internet.
Dagli anni 2000 un numero sempre più crescente di utenti ha avuto accesso a Internet, parallelamente le tecnologie sono avanzate, il web si è popolato di contenuti e servizi, le modalità di navigazione sono diventate user-friendly, avvicinando gli utenti non solo per scopi didattici o lavorativi, ma anche ludici e sociali. È per questo che negli ultimi anni si è assistito al boom dei social network, alla diffusione dei client di istant messaging e al popolamento delle community e delle chat. L’incontro virtuale è prassi quotidiana di milioni di utenti in tutto il mondo, con un’ampia apertura del ventaglio dell’età.
Purtroppo, accanto agli scopi prima descritti, c’è chi utilizza la grande Rete per i propri illeciti: hacker e criminali cercano di sfruttare le vulnerabilità dei software e l’inesperienza degli utenti, violando abilmente le regole. Come loro, dietro i monitor si nascondono anche pedofili e pedocriminali, minacciando l’incolumità dei tantissimi minori che hanno accesso a Internet.
Il fenomeno, già di enorme portata, ha subito un forte incremento con la diffusione dei dispositivi di comunicazione mobili; si rischia di ricordare la nostra come l’epoca dell’infanzia negata e, sfortunatamente, non esiste nulla che possa rendere sicura al 100% la navigazione.
La grande Rete rimane comunque una risorsa che non può venir meno, pertanto è bene ricercare strumenti di sicurezza e strategie di contrasto al fenomeno, ricordando che niente può sostituirsi alla presenza attiva e all’occhio vigile di genitori ed educatori.
Questo lavoro di tesi nasce in collaborazione con l’Associazione Meter Onlus di Don Fortunato Di Noto e ha come obiettivo l’analisi e la progettazione di strumenti e tool per la tutela dei minori in Internet e la lotta alla pedopornografia.
Nel primo capitolo si fornirà una panoramica del fenomeno della pedopornografia, mostrando quali sono i mezzi di comunicazione sfruttati dai pedofili per adescare i minori. Verrà inoltre fornita una breve descrizione della legge in Italia in materia di tutela dei minori e delle misure di sicurezza attuate dalla Commissione Europea.
Nel secondo capitolo si descriverà l’Associazione Meter e le attività svolte dalla Sede Centrale e dagli Sportelli dislocati sul territorio.
Il terzo capitolo è dedicato allo Stato dell’arte. Si esporrà l’attività investigativa svolta dalla Polizia Postale, si analizzeranno dal punto di vista informatico gli strumenti di indagine a disposizione delle autorità e quelli di sicurezza a disposizione dei genitori, si descriveranno in particolare i parental control esistenti e si accennerà alla sicurezza sui dispositivi mobili. Tale argomento verrà ampliato nel quarto capitolo, interamente dedicato alle piattaforme Android e iOS, agli strumenti di filtraggio e sicurezza per essi disponibili e alle prove effettuate per cercare di progettarne di nuove.
Nel quinto capitolo si esporranno i dettagli teorici e implementativi e i test di funzionamento del Server DNS progettato.
Il sesto capitolo sarà dedicato alla normativa vigente in Italia e in Europa in termini di privacy, in quanto, se l’Associazione Meter vuole portare avanti il progetto del server DNS ed inserirlo tra i servizi offerti, deve realizzare una privacy policy per poter trattare legalmente il traffico dati prodotto dagli utenti che decidono di usufruire del servizio.
L’ultimo capitolo darà spazio alle conclusioni, alle motivazioni personali e agli eventuali sviluppi futuri del software prodotto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE Comunicare: da sempre l‟uomo ne ha avuto esigenza, e ha usato il suo ingegno per inventare mezzi di comunicazione e informazione sempre più raffinati. Dai manoscritti alla stampa, dal telegrafo al telefono, dalla fotografia al cinema, dalla radio alla televisione, fino alla digitalizzazione dei segnali. Nel 1976 nasce il termine “telematica”, crasi dei termini telecomunicazioni e informatica: grazie alle telecomunicazioni che si combinano con l‟informatica si creano reti di collegamento in tutto il mondo, nasce il “villaggio globale” costituito da Internet. Dagli anni 2000 un numero sempre più crescente di utenti ha avuto accesso a Internet, parallelamente le tecnologie sono avanzate, il web si è popolato di contenuti e servizi, le modalità di navigazione sono diventate user-friendly, avvicinando gli utenti non solo per scopi didattici o lavorativi, ma anche ludici e sociali. È per questo che negli ultimi anni si è assistito al boom dei social network, alla diffusione dei client di istant messaging e al popolamento delle community e delle chat. L‟incontro virtuale è prassi quotidiana di milioni di utenti in tutto il mondo, con un‟ampia apertura del ventaglio dell‟età. Purtroppo, accanto agli scopi prima descritti, c‟è chi utilizza la grande Rete per i propri illeciti: hacker e criminali cercano di sfruttare le vulnerabilità dei software e l‟inesperienza degli utenti, violando abilmente le regole. Come loro, dietro i monitor si nascondono anche pedofili e pedocriminali, minacciando l‟incolumità dei tantissimi minori che hanno accesso a Internet. INTRODUZIONE

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi