Skip to content

Pink Floyd The Wall

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Colizzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Alessandro Portelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 155

The Wall si inserisce a pieno titolo nella tradizione di album concept tipica degli anni settanta, tradizione seguita e sviluppata con successo dagli stessi Pink Floyd a partire da The Dark Side of the Moon. Apparso sullo scorcio del decennio, quando molte convenzioni stilistiche del rock progressivo sembravano aver raggiunto un'impasse e l'estetica punk aveva ormai innescato un processo di rinnovamento della musica rock inglese, The Wall mantiene di quella tradizione alcune caratteristiche-innanzitutto l'idea stessa di 'concept', ovvero la ricerca di un'unità estetica più ampia e il carattere immaginario del soggetto. Allo stesso tempo però se ne distanzia, rappresenta anzi il superamento di certe formule stilistiche progressive aggiornando forme e contenuti al 1979: dal punto di vista musicale appare evidente l'abbandono di strutture estese e complesse a favore di un ritorno a canzoni da tre minuti, il ricorso a una line-up strumentale semplice, con arrangiamenti 'poveri' ma accompagnato a una sottile sovversione dello standard rock beat. Dal punto di vista tematico, affronta un soggetto imbarazzante ma di forte impatto emotivo e intellettuale, usando spesso un tono sarcastico. Nonostante il viaggio interiore costituisca ancora il perno centrale dell'azione, Waters si distanzia nettamente dall'ideologia di tipo gnostico e dal ricorso alla fantasy (tipico di gran parte del rock progressivo e non degli anni settanta), una scelta stilistica evidente anche nei testi che evitano doppi sensi, allusioni, giochi di parole.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1Non c’è un’origine precisa del ‘pop’ come lo intendiamo oggi—cultura, modalità di percezione, industria, genere musicale. Si possono tuttavia isolare una serie di fattori che hanno contribuito alla sua creazione, pri- ma e dopo il secondo conflitto mondiale: sviluppi tecnologici, un’eco- nomia di stampo fordista (rapido turnover, produzione di massa, obso- lescenza immediata), l’allargamento dell’influenza americana nel mon- do, la spinta alla democratizzazione indotta dalla società consumistica, una sensibilità ‘esistenziale’ postbellica e postnucleare. Al momento della sua comparsa nel vocabolario inglese, verso la metà degli anni cin- quanta, il termine ‘pop’ rappresenta una demarcazione, nel campo della musica di consumo in genere, di una zona più ristretta associata a un pubblico di adolescenti. È la semplice abbreviazione di ‘popular’1 e come tale porta con sé, oltre ai significati moderni di ‘apprezzato dalla gente’ e ‘diffuso fra la gente,’ connotazioni più o meno spregiative di ‘opere di tipo inferiore.’2 In Europa una cultura popolare esiste da sempre, almeno sin da quando esiste una cultura di qualche altro tipo (sacra, aristocratica, seria) rispetto a cui distinguerla. In particolare per quanto riguarda 1 Eredità Gli americani hanno colonizzato il nostro subconscio.—Wim Wenders

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pink floyd
rock opera
rock progressivo
the wall
roger waters
musica rock
progressive rock
storia della musica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi