Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Giustizia, memoria, riconciliazione. Le ''comisiones para la verdad'' in Argentina, Cile e Perù

Le Commissioni per la verità nella realtà sudamericana: come sono nate, in cosa consistono, quale ruolo hanno svolto, e che utilità possono avere anche in prospettiva futura; sono questi gli argomenti posti al centro della trattazione. Sono individuati due obiettivi principali: documentare l'operato delle tre Commissioni trattate e analizzare il ruolo che esse hanno svolto, restando sempre ben ancorati alle peculiarità del singolo Paese in questione. In secondo luogo, integrare il primo obiettivo con gli strumenti della giustizia internazionale, specie con quelli interamericani e con il principio della giurisdizione universale. Tutto ciò per valorizzare uno strumento politico non adeguatamente conosciuto e considerato, che andrebbe ancora perfezionato. Il lavoro è suddiviso in cinque capitoli. Nel primo si compie una sintetica e mirata ricostruzione dei progressi della giustizia internazionale, sia in ambito mondiale, sia in quello interamericano. La giustizia internazionale e le Commissioni per la verità sono sì strumenti molto differenti, ma possono completarsi vicendevolmente. I tre capitoli centrali analizzano specificatamente le tre singole Commissioni esaminate. L'ultimo capitolo si focalizza sull'individuazione di quegli elementi comuni alle tre Commissioni che ne fanno degli utili strumenti adatti a dare il proprio contributo nel processo di superamento di un difficile passato, entro l'onnipresente cornice della riconciliazione nazionale. Esse propongono una soluzione politica per lasciarsi alle spalle un triste e drammatico passato, ma senza ricadere nella consuetudine della dimenticanza e dell'oblio.
L'analisi di pregi e difetti, la ricostruzione storica, l'evoluzione nazionale e internazionale porteranno a evidenziare l'importanza dell'integrazione di alcuni strumenti della giustizia interamericana e internazionale, in quanto un lavoro congiunto potrebbe risultare utile anche in quei futuri processi di pacificazione e riconciliazione nazionale che si verificheranno, prima o poi, in quelle zone del Pianeta attualmente flagellate da conflitti interni od oppresse da regimi dittatoriali (alcuni esempi: Egitto, Siria, Corea del Nord, Birmania...)

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Le Commissioni per la verità nella realtà sudamericana: come sono nate, in cosa consistono, quale ruolo hanno svolto, e che utilità possono avere anche in prospettiva futura; sono questi gli argomenti posti al centro della trattazione. Prima di descrivere obiettivi e contenuti dell’elaborato, è necessario introdurre un paio di questioni preliminari sulla scelta dell’argomento. Innanzitutto, è essenziale definire che le Commissioni per la verità esaminate sono state uno strumento creato per dare un contributo nel processo di superamento della particolare e risaputa situazione che visse il Sudamerica fra gli anni sessanta e ottanta (e nel caso peruviano, anche novanta) del secolo appena trascorso. È interessante approfondire la questione per via del fatto che tali strumenti hanno svolto un utile lavoro entro la fragile cornice della riconciliazione nazionale. In secondo luogo, occorre spiegare per quale motivo la scelta sia ricaduta sui seguenti tre casi specifici: la Comisión Nacional sobre la Desaparición de Personas argentina, la Comisión Nacional de Verdad y Reconciliación cilena, la Comisión de la Verdad y de la Reconciliación peruviana. Le Commissioni per la verità sono state istituite anche in altri Paesi, tuttavia la preferenza è ricaduta su queste tre situazioni a causa del fatto che sono quelle più significative, e anche perché la loro distanza temporale (la prima è del 1983, la seconda del 1990 e la terza del 2001) permette delle analisi in “senso evolutivo”. Per esempio, non è stato preso in considerazione il caso brasiliano poiché troppo recente, visto che la Commissione per la verità brasiliana è stata istituita soltanto verso la fine del 2011 e i lavori sono ancora in corso. I casi del Guatemala e di El Salvador sono invece stati ignorati per via della loro appartenenza al contesto centroamericano, che è differente rispetto a quello sudamericano. Passiamo a chiarire lo scopo dell’elaborato. Il primo obiettivo è stato quello di documentare l’operato delle tre Commissioni e di analizzare il ruolo che esse hanno svolto, restando sempre ben ancorato alle peculiarità del singolo Paese in

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Danilo Gagliano Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1891 click dal 13/09/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.